Che imbarazzo per Belen: dicono abbia rubato la foto di una influencer russa

Mentre tutti parlano della foto che Belen Rodriguez avrebbe “rubato” a un’influencer russa, lei continua a pubblicare altri scatti. Belen al momento non dice nulla sulla foto con le costosissime scarpe. Sembra non ci siano dubbi, come evidenziato da Very Inutil People quello scatto è stato pubblicato da Maya Zaboshta nel 2020. Maya ha 263mila follower e qualcuno si è accorto del fattaccio e sembra anche che la ragazza russa non l’abbia presa molto bene. Un paio di scarpe, un paio di gambe, ma a chi appartengono? Belen ieri ha scritto: “Sulle mie scarpe…”, l’influencer russa oggi dice: “Queste sono le mie gambe e le mie scarpe, grazie per il vostro supporto”. Il grazie della Zaboshta è per chi l’ha avvisata dello scatto incriminato. Dopo qualche ora sempre Maya ha condiviso tra le sue storie Instagram il confronto fatto da Very Inutil People commentando: “Però fa piacere quando una blogger con più di 9 milioni di follower spaccia le tue foto per sue”.

PERCHE’ BELEN HA POSTATO PROPRIO QUELLA FOTO?

Siamo certi che Belen avrà una spiegazione. Intanto, anche Valetina Vignali ha taggato la legittima proprietaria proprio sotto il post di Belen rispondendo anche a chi ha provato a difendere la bella argentina: “Quindi tu pubblichi la foto di un’altra persona con scritto ‘le mie scarpe’? Ma per favore”. Ha ragione la Vignali?

Al momento è in corso una caccia ai possibili scatti rubati, qualcuno su Instagram scrive che anche un’altra foto potrebbe essere di proprietà altrui. Arrivano anche altre critiche, quelle di chi solo oggi si accorge che scarpe, borse e altri accessori pubblicati dalle influencer sono oggetti di lusso, per loro un po’ troppo di lusso per potere essere esibiti in questo periodo difficile. Non perdiamo però il centro del discorso, attendiamo magari che la Rodriguez spieghi il suo punto di vista. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.