Harry fa nuove rivelazioni, quando stava male fingeva di stare bene

Harry d’Inghilterra fa un altro passo che lo allontana dalla famiglia reale o forse con le nuove rivelazioni William e Carlo potranno comprenderlo di più. In ogni caso la sua nuova intervista è ancora una volta senza freni ed è destinata a un nuovo polverone. Sono trascorsi due mesi dall’intervista a Oprah Winfrey con la moglie, questa volta Harry è solo mentre racconta tutto nel podcast settimanale Armchair Expert. E’ a Dax Shepard che il principe d’Inghilterra ha raccontato quanto fosse infelice da ragazzo. Addirittura Harry ha paragonato la sua vita a Corte a quella di Jim Carrey nel film The Truman Show. In quel famoso film il protagonista vive ignaro che la sua vita sia sempre ripresa dalle telecamere e che a spiarlo ci sia tutto il mondo.

LA VITA DI HARRY UN MIX TRA ZOO E TRUMAN SHOW

Non solo Truman show ma un vero zoo. Impossibile non pensare a Lady Diana quando racconta: “Da bambino, quando stavo male, facevo finta di stare bene anche se volevo lasciare la vita reale per quello che era successo a mamma”.

Sono emozioni che risalgono ad anni fa e lui le ha analizzate rispondendo agli haters del web: “L’odio è per chi vive un dolore irrisolto. Quando sei sconvolto da qualcosa e non stai bene, vai a cercare aiuto. Io, come tutti,  cercavo di mascherare ciò che provavo realmente, fingendo di sentirmi bene. Ho rifiutato i sentimenti”.

Sa di essere nato privilegiato ma sa anche che non si è mai abituato alle continue pressioni dell’essere un membro della famiglia reale inglese. “La vita mi  ha dato un posto in prima fila. La mia istruzione non era scolastica: la mia scuola era incontrare ogni giorno persone di tutto il Commonwealth”.

E’ felice oggi in California con Meghan, Archie e la bambina che sta per nascere, è sereno e cammina sentendosi più libero, soprattutto adesso che è padre e che può fare con suo figlio le cose semplici che non poteva fare in Inghilterra. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.