Mamma Katia saluta il suo Michele: “Dacci la forza per andare avanti”

Non si può neanche immaginare il dolore di due genitori che hanno perso un figlio di soli 28 anni. Non si può neppure comprendere che cosa significa non avergli potuto dire addio. E’ un dolore immenso che solo chi lo sta vivendo riesce a comprendere e forse neppure fino in fondo. Vogliono la verità i genitori di Michele Merlo, anche per questo hanno chiesto che venga fatta l’autopsia per capire se il ragazzo poteva salvarsi. Se si fosse compreso da subito quello che stava succedendo, Michele avrebbe avuto delle possibilità? Davvero difficile a dirsi e in questi casi, solo le parole degli esperti, possono servire a fare chiarezza. E’ quello che vogliono i genitori di Mike: sapere se Michele poteva essere salvato, se solo qualcuno si fosse accorto prima che i suoi non erano dolori normali, ma che stava per succedere l’irreparabile.

Mamma Katia e papà Domenico sono stretti nel grande dolore che stanno vivendo ma non si chiudono nel silenzio e via social danno l’ultimo saluto al loro adorato figlio in attesa di avere le risposte che sanno cercando, è tutto quello che adesso gli dà probabilmente la forza di andare avanti.

Mamma Katia saluta dai social il suo Michele

Ciao amore mio grande. Saluta tutti lassù“, ha scritto mamma Katia sul suo profilo instagram che nelle ultime ore è invaso dai commenti di chi cerca anche solo con poche parole, di dare conforto ai genitori di Michele. La mamma di Mike Bird ha poi aggiunto: “Però ricordati che qui sotto ci siamo noi e sarai tu che dovrai darci la forza per andare avanti, altrimenti non ce la possiamo fare!!! ok?“.

Da un lato il dolore immenso per quello che è successo, dall’altro la razionalità del volere per forza, come è giusto che sia, capire se tutto questo si poteva evitare. Michele non tornerà indietro, ma la consapevolezza di aver cercato la verità e di averla trovata, spesso aiuta chi resta a curare delle ferite che altrimenti mai si potrebbero rimarginare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.