Mara Venier sui social: “Con la paralisi il vaccino Covid non c’entra”

In più storie su Instagram Mara Venier ripete lo stesso post, la stessa notizia, perché è una bufala che gira sulla paralisi legata al vaccino. Ovviamente la Venier si riferisce al suo problema al volto, quello che tutti ormai conoscono, legato all’intervento ai denti. Un’operazione andata male e Mara Venier sta ancora pagando le conseguenze per essersi affidata al medico sbagliato. A Domenica In ha spiegato tutto, ha portato tutti a conoscenza del suo problema, ha mostrato la sua forza ma anche le difficoltà. C’è chi però ne ha approfittato per sollevare un altro caso, una polemica assurda, una fake news. Le bufale sul web girano di continuo, come dimenticare quella che annunciava la morte di Nicola Carraro, marito della conduttrice. In quella occasione la Venier mandò tutti al diavolo, si infuriò, c’è chi l’aveva contattata pensando fosse tutto vero, c’è chi si era sentito male leggendo la notizia e credendo fosse vera.

MARA VENIER CONTRO LE FAKE NEWS CHIARISCE CHE IL VACCINO NON C’ENTRA NIENTE

I no vax o i burloni hanno pensato di lanciare nel web il dubbio che la paralisi di metà viso di Mara Venier fosse stata causata dal vaccino. La conduttrice continua ripetere tra le sue storie di Instagram che è tutto falso, che i suoi problemi di salute non sono dovuti al vaccino. Difficile però fare comprendere a tutti che l’inoculazione della fiala anti Covid non abbia causato niente del genere a lei che ha promosso di continuo le vaccinazioni in tv chiedendo per prima spiegazioni e conferme ai suoi ospiti su Rai 1. 

In realtà non è un caso che la Venier sia stata presa di mira come altri personaggi che hanno partecipato con convinzione alla campagna pubblicitaria per incentivare le persone a farsi somministrare il vaccino. La propaganda no vax si basa sul niente, Mara Venier attende di migliorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.