Charlene di Monaco: “Qualunque madre separata dai figli può capire come mi sento adesso”

charlene di monaco figli

Charlene di Monaco ha subito la terza operazione in Sudafrica, un altro intervento ma il suo ritorno a casa dai figli e dal principe Alberto sembra sia ancora una volta rimandato. E’ sul suo profilo Instagram e con la sua voce che questa volta Charlene Wittstock chiarisce come sta e non sono in salute. Sembra che dovrà affrontare ancora un altro intervento, continua a parlare di infezione ma desidera anche far capire a tutti che la sua famiglia le manca tantissimo, che non vede l’ora di tornare a casa. Charlene di Monaco si rivolge alle mamme che per lungo tempo magari sono state costrette a stare lontane dai figli, sa che loro la possono comprenderla più di tutti gli altri. E’ anche un modo per chiedere al gossip di smettere di dubitare e di non parlare più di crisi e di mancanza di volontà di tornare al Principato di Monaco.

Charlene di Monaco spiega tutto dall’arrivo in Sudafrica alle operazioni

Era arrivata in Sudafrica per supervisionare i progetti della fondazione di cui fa parte, era già malata ma non lo sapeva, poi c’è stata la prima operazione e il seguito. E’ in Sudafrica dalla scorsa primavera, è rimasta in silenzio più volte, difesa dal principe Alberto ma adesso fa sentire la sua voce. Sul suo profilo Instagram spiega che è impaziente di rientrare a casa che i suoi figli Jacqui e Bella, come li chiama lei, le mancano tantissimo. L’ultima volta che li ha abbracciati è stato ad agosto, pensava che a fine ottobre potesse tornare a casa, invece sta ancora male.
Pensa alle mamme che sono nella sua stessa condizione: “Hanno sicuramente dovuto provare la stessa cosa che ho provato io”.

E’ forte Charlene Wittstock e pensa al futuro, a quando tornerà a casa dai figli e dovrà poi tornare in Sudafrica per proseguire il suo lavoro, continuando a seguire la sua Fondazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.