Alfonso Signorini racconta della cicatrice sull’occhio: “Mi hanno picchiato”

Alfonso Signorini

E’ una cicatrice che Alfonso Signorini ha da sempre ed è su Chi che spiega che risale al periodo in cui vendeva le enciclopedie porta a porta. Oggi è il direttore di un settimanale di gossip, conduce il Grande Fratello Vip ma ogni volta che tocca la cicatrice sull’occhio ricorda la strada fatta. Signorini frequentava l’università ma aveva bisogno di soldi, le lezioni private non gli bastavano, aveva bisogno di arrotondare. Ha iniziato a vendere porta a porta, gli avevano insegnato che doveva giocare d’attacco, che se aprivano la porta metà del lavoro era già fatto. Era a Milano, in tanti non aprivano, con altri era più semplice ma una volta gli è andata davvero malissimo.

Alfonso Signorini racconta quando vendeva le enciclopedie porta a porta

 “Quando la porta si apre, metà del lavoro è già fatto. A quel punto sorridi e comincia a parlare. Non scoraggiarti se ti senti dire che non vogliono nulla o che non sono interessati, parla a raffica. Se alla fine la porta sarà ancora aperta, è fatta’. Io ero abbastanza bravo. Anche se poi non mancavano gli incidenti di percorso”.

L’incidente di percorso per il conduttore arriva in un quartiere di periferia a nord di Milano, ad aprire la porta un tipo in canottiera: “Mi bloccò immediatamente. ‘Non ho figli io. Che me ne faccio della tua enciclopedia?’. Io andai avanti a parlare come ero abituato a fare: ‘L’enciclopedia apre la mente, ci rende migliori…’. Spazientito il tipo afferrato il volume dell’enciclopedia che gli avevo messo in mano, me lo tirò in faccia: ‘Dell’ignorante non me lo dai, hai capito?’”.

Una cicatrice sull’occhio ancora oggi ben visibile: Ogni volta che ci faccio caso, la accarezzo perché mi ricorda il periodo della mia vita duro, senza il quale non sarei arrivato dove sono”. C’è anche un lato positivo: “La gente, impietosita dal bendaggio che avevo in viso e dalle storie che mi inventavo ogni volta, metteva una mano sul cuore e un’altra al portafoglio“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.