Gianni Morandi di nuovo in ospedale: “Ci vuole pazienza, c’è di peggio”

Gianni Morandi ospedale


E’ passato un anno dall’incidente di Gianni Morandi ma non è ancora finita, è tornato in ospedale per un delicato intervento alla mano. Sono le conseguenze delle ustioni ma Gianni Morandi sa che a lui è andata benissimo, che quando è caduto nelle fiamme avrebbe potuto riportare conseguenze ben più gravi. Il suo messaggio è infatti sempre positivo, anche con tutte le difficoltà che sta incontrando. Gianni Morandi in ospedale ha dovuto affrontare un’altra operazione alla mano destra. “Ci vuole pazienza, c’è di peggio” ha commentato nella didascalia della foto scattata da sua moglie Anna. Di pazienza ne ha tanta ma ha anche tanta voglia di tornare a suonare come prima la sua chitarra. In parte lo sta già facendo, con questo nuovo intervento non potrà che andare meglio ma la convalescenza è molto fastidiosa, come si vede dallo scatto.

Gianni Morandi ha dovuto interrompere il suo tour

“Ho tenuto il mio 36esimo concerto al Teatro Duse di Bologna e ora devo interrompere per affrontare un intervento chirurgico alla mia mano destra e non so ancora quanto dovrò stare fermo ma certo non per pochi giorni” ha annunciato pochi giorni fa. Adesso lo attende un altro periodo di convalescenza, di ripresa, poi tornerà al suo pubblico.

Il cantante ha sempre continuato ad aggiornare i fan, i follower, sulle sue condizioni di salute, ha sempre fatto in modo che a tutti arrivasse sempre un messaggio positivo, anche quando il dolore era fortissimo al punto che aveva bisogno di essere sedato quando doveva fare le medicazioni.

Morandi si è operato ieri alla mano, sta bene, l’intervento è andato bene, andrà di certo meglio quando capirà se tutto è andato come previsto. Lo attendono i suoi tantissimi fan, sempre più numerosi soprattutto dopo il festival di Sanremo; sono tanti i giovani che hanno scoperto un nuovo cantante con la sua “Apri tutte le porte”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.