Giovanna Civitillo racconta il ricordo più bello di Sanremo: “Il segno della croce di Amadeus, questi siamo noi”

Per 5 giorni Amadeus è stato assoluto protagonista di Sanremo 2020 e adesso si gode il meritato successo. Non è il solo però a poter essere felice di tutto quello che è successo in questa settimana sanremese. Anche Giovanna Civitillo, tornata oggi a Detto Fatto, ha avuto modo per la prima volta, con calma, di raccontare il suo Sanremo. Lei nel salotto del programma di Rai 2 è di casa, è infatti uno dei volti di questa stagione di Detto Fatto. E oggi insieme a Bianca Guaccero e a Jonathan ha provato a ripercorrere i momenti più belli del suo Sanremo. Bianca le ha chiesto quale fosse il momento che ricorderà per sempre, il suo ricordo più bello appunto e Giovanna ha spiegato che è una cosa che non hanno visto in tanti ma che per lei è stata emozionante.

IL RICORDO PIU’ BELLO DI GIOVANNA CIVITILLO DEL SANREMO CON AMADEUS E JOSE’

Il mio ricordo più bello è Amadeus che prima di iniziare lo spettacolo si fa il segno della croce, è una cosa che abbiamo visto solo noi in platea. E’ una immagine che mi ricorderò per sempre, quelli siamo noi ” ha detto Giovanna rispondendo alle domande di Bianca. La conduttrice ricorda che la Civitillo nelle ultime settimane era molto emozionata ma anche tesa, sicuramente dopo la fine di questa avventura, potrà rilassarsi. “Sono proprio felice, sono tanto felice sono sopra le nuvole tanto tanto” ha detto Bianca Guaccero.

E poi la domanda sul piccolo Josè: ma come ha fatto a resistere vista la lunghezza dello show? “Era lui che teneva sveglia me, era lui che mi diceva io devo stare qui è una cosa importante per papà io voglio esserci” ha spiegato una felicissima Giovanna nel salotto di Detto Fatto.

Per Giovanna poi anche le pagelle di Carla Gozzi sulle sue scelte di look

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.