Samantha De Grenet: “Vedermi con tutte quelle cicatrici mi ha provata molto” (Foto)

Solo pochi mesi fa Samantha De Grenet è riuscita a confidare del tumore contro cui ha dovuto fare i conti, l’operazione al seno, le successive terapie e poi le cicatrici (foto). Al momento ha affrontato tutto con lacrime e forza ma dopo c’è stato un rifiuto. Dopo il tumore Samantha si vedeva brutta, impresentabile. Non solo la quadrantectomia per rimuovere il tumore ma poi anche la plastica per pareggiare i seni, per ridurre il seno sano come quello operato. Quelle cicatrici sono state difficile da accettare, un contraccolpo psicologico durissimo; non si riconosceva più allo specchio e così ha smesso di guardarsi. Samantha De Grenet sa bene che guarire clinicamente era la cosa più importante ma forse nel suo crollo emotivo ha poi incluso tutto. Ha dovuto fare radioterapia e ancora oggi segue una terapia farmacologica che all’inizio l’ha gonfiata tanto, le procurava calori, sentiva il suo viso prendere fuoco e in più aveva continui sbalzi d’umore. Non è stato facile gestire tutto questo ma oggi ne parla perché può essere d’aiuto ad altre donne.

SAMANTHA DE GRENET VOLEVA SMETTERE DI LAVORARE

C’è stato un rifiuto, non mi rassegnavo, vedermi con tutte quelle cicatrici mi ha provata molto. Allo specchio non mi riconoscevo più, così ho smesso di guardarmi” si vedeva brutta, non si riconosceva e pensava che anche per altri fosse così: Mi vedevo brutta, impresentabile e, nonostante mio marito facesse di tutto per farmi sentire bellissima, pensavo mi prendesse in giro. Volevo smettere anche di lavorare perché temevo che tutti mi trovassero irriconoscibile proprio come mi percepivo”.

Adesso va molto meglio, è serena, anche in questo periodo così difficile per tutti: “Ho fatto pace con lo specchio, mi sono sgonfiata grazie ai consulti con un endocrinologo, e ho ripreso ad avere confidenza con la mia immagine”. Continua a ricordare a tutte le donne di fare prevenzione. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.