La delusione più grande per Antonella Clerici ma adesso è pronta a riprendersi tutto (Foto)

La vita di tutti è piena di momenti alti e bassi e Antonella Clerici ne è la prova, come ha raccontato nell’intervista in diretta Instagram con Luca Bianchini (foto). 50 domande e tutte le risposte passando dalla vita privata a quella professionale. Dopo avere parlato del tradimento di Eddy e della scenata di gelosia prima di cacciarlo di casa, ha confidato cosa l’ha ferita, la delusione più grande, il dispiacere nel lavoro. La sua più grande delusione è stata Portobello, un programma dallo scarso successo e Antonella Clerici schietta spiega che aveva un gran titolo ma era privo di contenuti perché era una trasmissione ormai superata; ha sbagliato, avrebbe dovuto pensare a qualcosa di diverso, è andata male, si è presa tutta la responsabilità, come sempre. Non è sua invece la responsabilità per i dispiaceri vissuti nell’ultimo anno.

ANTONELLA CLERICI: LA COSA CHE PIU’ L’HA FERITA

“Mi ha ferito più di tutto l’anno che ho vissuto, dall’oggi al domani mi sono trovata a non fare niente e mi sono dispiaciuti i modi, la non chiarezza, non è stata una tragedia… Pazienza, può capitare un anno così… Ma sono anni ricorrenti per me, un po’ come quando ero incinta di Maelle, io ogni tanto ho i miei momento down ma poi decollo di nuovo”.

Spesso ha pianto anche di gioia, come quando fece da sola il suo festival di Sanremo, fu un vero successo e nessuno se lo aspettava. Ha pianto anche di recente, quando Stefano Coletta in conferenza stampa a Sanremo ha detto che era una bestemmia fosse fuori dal palinsesto: “Quello è stato un pianto liberatorio”. 

Si sta preparando a tornare in tv Antonella Clerici, supportata come sempre dal suo pubblico che non ha smesso di seguirla sui social chiedendo di continuo un suo programma.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.