Georgina Rodriguez a Venezia con il cartellino lasciato sulla giacca: è stato un errore? (Foto)

Brutta figura per Georgina Rodriguez che a Venezia è arrivata con il cartellino ancora sulla giacca? Le foto continuano a mostrare la gaffe della compagna di Cristina Ronaldo ma per qualcuno non è stato un errore, nessuna gaffe, anzi Georgina potrebbe averlo fatto in modo consapevole. Per chiunque sarebbe fonte di imbarazzo, un’etichetta a vista, un cartellino ancora attaccato all’abito, ma nel caso di Georgina Rodriguez potrebbe essere un modo per fare parlare anche d’altro. Come spostare l’attenzione su qualcosa e al Festival del cinema di Venezia lei ci è riuscita, magari senza intenzione, ma tutti abbiamo visto il suo tailleur bianco. Forse semplicemente la splendida modella e influencer ha dimenticato di staccare il cartellino dalla giacca. Si nota anche nella foto che ha pubblicato sul suo profilo Instagram: ha cancellato il cartellino, l’etichetta è sparita per non rovinare la perfezione di quel tailleur bianco. 

GEORGINA RODRIGUEZ PRIMA E DOPO IL CARTELLINO ALLA GIACCA

Una svista che è sotto gli occhi di tutti e così Georgina Rodriguez è finita al centro dell’attenzione più di tutte le altre le splendide donne presenti in Laguna. C’è chi chiede il perché della sua presenza alla Mostra in un periodo in cui il parterre degli invitati è anche molto ristretto. Lei è arrivata per la prima del film di Pedro Almodovar The Human Voice”, il resto è ovunque.

Un abito taglio maschile di grande sensualità grazie alla compagna di Ronaldo. Pantalone e giacca sulle spalle ma è proprio per questo che il cartellino si è visto senza possibilità di nascondersi. C’è chi è sciuro che quel cartellino non sia stato rimosso dal suo sponsor: il suo tailleur è il look più ammirato del festival di Venezia.

Intanto mentre tutti ne parlano Georgina era già sul red carpet con un abito color cipria. In questo caso niente etichetta fuori posto e la splendida 26enne è riuscita a brillare ancora una volta da sola. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.