Antonella Clerici ricorda Fabrizio Frizzi: “Davanti alla malattia siamo tutti uguali” (Foto)

Nella giornata mondiale contro il cancro Antonella Clerici ricorda Fabrizio Frizzi e la sua mamma, due dolori immensi e sempre presenti per lei che è anche ambasciatrice per l’Airc, la Fondazione per la ricerca sul cancro (foto). Al Corriere della Sera Antonella Clerici racconta della madre morta a soli 55 anni per un tumore. Era il 1995 e non era ancora famosa, la sua mamma andò a vederla mentre faceva uno spot, si occupava ancora di sport in quel periodo. Dopo tre mesi, il 17 luglio la signora Franca morì. “Un’esperienza deflagrante” così la definisce la conduttrice nella sua intervista. Le nascose la verità, non voleva sapere, oggi è tutto diverso, i malati di cancro sanno tutto. Da lì è iniziata la sua conoscenza verso la malattia e ha iniziato ad andare come volontaria all’Istituto dei Tumori. Poi la morte di Fabrizio Frizzi, l’amico caro che ha cambiato la sua vita e quella di Carlo Conti, l’altro fratellone.

ANTONELLA CLERICI: “PER FABRIZIO FRIZZI TUTTO E’ STATO VELOCISSIMO”

Lo ricordiamo tutti che Fabrizio Frizzi è stato male ad ottobre e a marzo non c’era più, tutto velocissimo, come racconta la Clerici che porta dentro il dolore per la sua perdita: “La sua morte mi ha insegnato che la prevenzione è fondamentale. Noi, presi dal nostro lavoro quotidiano in tv, non diamo peso a certi malesseri del corpo. Andiamo avanti, rimandiamo i controlli, minimizziamo”. E invece è fondamentale ascoltare il proprio corpo così come rallentare il ritmo e trascorrere del tempo con chi amiamo. E’ questo che ha imparato a fare anche lei dopo la morte di Frizzi. 

Lui ha lottato fino alla fine, ci ha sperato fino alla fine e ha continuato ad andare in onda e a stare con la sua famiglia.“Puoi essere ricco e famoso ma davanti alla malattia siamo tutti uguali” ha concluso Antonella Clerici che ricorda a tutti che aiutare la ricerca è importante.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.