Simona Ventura salvata da un’amica ha scoperto della polmonite (Foto)

Simona Ventura sta bene, sempre meglio, sa di essere stata fortunata perché contagiata dal covid non ha avuto sintomi ma tra le pagine della rivista Oggi la conduttrice racconta qualcosa in più (Foto). Simona Ventura è stata molto fortunata, racconta che deve tutto a una sua amica, è lei che l’ha salvata anche se solo con una telefonata. I consigli in questo periodo di pandemia sono spesso utili, le esperienze di chi ha già vissuto il covid direttamente o indirettamente e ancora di più la preparazione di medici pronti ad aiutare. La conduttrice oggi più che mai pensa che gli angeli esistano davvero e uno è proprio la sua amica che l’ha chiamata dal Brasile.

SIMONA VENTURA DOPO LA LASTRA AI POLMONI

Stava per partire per Sanremo quando ha saputo che poteva andare con chi l’avrebbe truccata e pettinata, ha quindi chiesto a queste persone di fare il tampone, l’ha fatto anche lei e ha saputo del contagio. Non sa come si è infettata, è sempre stata prudente. Passato il dispiacere per la non partecipazione al festival di Sanremo ha pensato solo a stare bene. Nessun sintomo, quindi non prendeva farmaci ma Karina, una sua cara amica, l’ha convinta a fare una lastra ai polmoni. L’ha fatta e solo in quel momento ha scoperto che aveva un piccolo focolaio di polmonite, un inizio che è riuscita a bloccare subito. La Ventura è sicura che qualcuno in cielo la protegga.

Così ha proseguito la sua quarantena senza sintomi. Purtroppo, aveva già contagiato Giovanni Terzi e la figlia ma tutti stanno bene. Forse se non avesse ricevuto la telefonata di Karina non avrebbe fatto controlli e magari la polmonite avrebbe aggravato le sue condizioni di salute. Lockdown e contagio hanno influito molto sulla sua vita come in quella di tutti ma per lei c’è solo la conferma di avere trovato il grande amore della sua vita.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.