Alessia Marcuzzi minacciata di morte racconta anche del suo falso profilo social

E’ alla rivista Oggi che Alessia Marcuzzi ha raccontato delle minacce di morte ricevute su Instagram. La conduttrice spiega che è perseguitata sui social e che su Twitter c’è anche un suo profilo falso, un profilo truffa. E’ preoccupata di entrambe le cose, ha paura per se stessa e per chi la segue sui social. E’ da anni che è vittima di minacce di morte e si chiede come sia possibile quello che le accade e che di certo accade ad altri personaggi famosi. Le trappole della Rete sono tantissime e non tutti sono capaci di fare attenzione. E’ Alessia Marcuzzi e solo lei a seguire i suoi profili social, quindi legge tutto e sa tutto. Mette in guardia i follower, consiglia di controllare sempre che un messaggio provenga da un account verificato con il baffo blu.

ALESSIA MARCUZZI: “SU ISTANGRAM C’E’ UN INCUBO FISSO”

“Su Instagram c’è un account partito come Macelleria vegana (poi didattica) e centinaia di varianti con Macelleria, che ogni giorno mi riserva di tutto. Sono costantemente a fare denunce alla Polizia Postale. Viene chiuso e riapre con un numerino diverso alla fine. Credo sia un hater pericoloso. E se mi aspettasse sotto casa?” ha giustamente timore.

Dal profilo truffa di Twitter le è arrivata la richiesta di un migliaio di euro: “Ma pensa se questo personaggio avesse dato pericolosi consigli a mio nome a qualche fan, oppure avesse dato appuntamento a qualcuno da qualche parte con intenzioni moleste… Mi vengono in mente mille pensieri e sono soltanto brutti”. Mette in guardi tutti i suoi fan, chi la segue sui social.

Sono anni che riceve minacce di morte ma non ne ha mai parlato molto prima e nell’intervista su Oggi spiega: “Da anni sono vittima anche di minacce di morte, ma non ho mai deciso di parlarne enfatizzando la cosa, come hanno fatto gli altri. Non mi piace”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.