Guendalina Tavassi vittima di aggressione conferma tutto

E’ a Fanpage che Guendalina Tavassi conferma l’aggressione avvenuta ieri sera, domenica. Chi ha aggredito la Tavassi e perché dopo avere pubblicato la foto con il volto tumefatto lei ha cancellato lo scatto? Guendalina Tavassi e sua figlia Gaia volevano mostrare quanto accaduto, un modo per chiedere aiuto, per gridare la rabbia, la paura e il dolore per quanto accaduto, poi tutto è diventato un giallo. Raggiunta da Fanpage la Tavassi ha confermato tutto, ha confermato con poche parole che è stata aggredita ma non ha detto molto, non può farlo. “Non posso dire nulla” e il motivo è nella necessità di dovere prima parlare con polizia e avvocati, poi magari avrà modo di raccontare a tutti cosa è successo.

Guendalina Tavassi non può parlare della violenza subito ma lo farà presto

“Non posso dire nulla, devo parlare con avvocati e polizia, ma ho vissuto momenti migliori” ha spiegato l’ex gieffina aggiungendo che adesso non può farlo, che è ovviamente sconvolta.

“Non posso parlare al momento, sono ancora sconvolta, sto andando dalla polizia a fare la denuncia e devo parlare con il mio avvocato” forse non aveva ancora denunciato l’aggressione o forse è solo confusa da questo momento difficile che sta vivendo.

“Ho vissuto momenti migliori, ma davvero non posso parlare fin quando non avrò concluso con denunce, querele, non posso dire dove è successo, chi è stato, ma vi ringrazio per avermi chiamata. Mi dispiace ma non posso dire nulla”. Queste le uniche dichiarazioni di Guendalina Tavassi, al momento non c’è nulla sui social, non ha ancora spiegato cosa è accaduto.

Rimossa la foto con l’occhio nero ma sempre a Fanpage non ha spiegato il motivo, ha preferito glissare rispondendo che era con il suo avvocato, insieme diretti alla polizia. Prima la sua auto presa di mira poi purtroppo ieri sera è stata lei vittima di violenza e si spera che tutto possa finire presto.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.