Miriam Leone ha subito bullismo al liceo e oggi non capisce chi la vede bella

Miriam Leone è una delle ex Miss Italia sempre presente nel mondo dello spettacolo, confessa che non comprende chi la trova bella e qui qualcosa non quadra. La Leone però spiega che da ragazzina è stata vittima di bullismo. Erano le sue sopracciglia a ispirare i bulli ed evidentemente le invidiose. Al liceo Miriam Leone veniva presa in giro perché di continuo paragonata ad Elio e le Storie Tese. Le sue sopracciglia sono poi state il suo vanto, il suo segno particolare e oggi si diverte nel sentire le critiche ma lo può fare perché ha un’altra età, mentre in passato non è stato divertente. E’ in occasione dell’uscita del film Marilyn ha gli occhi neri con Stefano Accorsi che Miriam Leone racconta al Corriere della Sera perché non se la prende con chi la critica o fa anche peggio sui social.

Miriam Leone non se la prende per gli insulti sui social

“Al liceo mi dicevano che ero Elio e le Storie Tese. Oggi è divertente perché ho un’età. Ma perché me la dovrei prendere se sui social mi insulta, per dire, Giuseppino88? Le cose cambiano nei giovanissimi, vedo un’accettazione importante della diversità. Ci ho messo una vita ad accettare la mia faccia” ma non ha ancora capito perché dicono che è bella, nonostante abbia vinto Miss Italia.

La gente per strada non la riconosce, anzi le dicono che somiglia molto a Miriam Leone, lei sorride e dice “Io sono meglio”.

Da pochissimo ha sposato Paolo Carullo, un matrimonio romantico con tre abiti da sposa e tanti dettagli importanti nascosti in ogni scelta. Non è mai stata così felice Miriam Leone che senza dubbio nonostante faccia parte del mondo dello spettacolo riesce a fare un percorso importante tenendo ben separate la vita d’attrice e reginetta di bellezza e la sua vita privata.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.