Paola Turani ha partorito, il viso gonfio non mentiva

Paola Turani è diventata mamma ha partorito questa notte dopo una gravidanza lunghissima. Per Paola Turani il parto è arrivato alla 41esima settimana, quando ormai anche lei era esausta, le stava provando tutte per convincere il suo piccolino a nascere, sempre continuando a ridere con le fan che sui social non l’hanno lasciata un attimo. Ieri la splendida modella e influencer notava che era davvero più gonfia del solito, che il naso, gli occhi, le labbra, tutto il viso erano trasformati, segno che il momento del parto era arrivato. Il figlio di Paola Turani è bellissimo, come lei che rivela è già perdutamente innamorata del suo principino.

Come si chiama il figlio di Paola Turani?

Aveva rivelato subito che era un maschietto ma solo dopo il parto ha svelato che il nome scelto è Enea Francesco. “8 ottobre 2021 Questa notte alle ore 00.52 è nato il nostro amore, Enea Francesco Serpellini. Stiamo bene e soprattutto di una felicità indescrivibile! io sono già perdutamente innamorata di lui” è l’annuncio più dolce che la Turani non ha perso tempo a scrivere. Una foto bellissima quella della famiglia Serpellini con Riccardo che abbraccia sua moglie e suo figlio.

Un figlio così tanto desiderato per anni, perché come ha confidato più volte Paola c’era un problema di infertilità che impediva il concepimento.

Poi il desiderio più grande si è avverato e Paola Turani in lacrime ha rivelato al mondo intero che era incinta, in modo naturale, prima di iniziare la terapia ormonale. Sono stati mesi difficili all’inizio per le nausee ma sempre vissuti in modo meraviglioso. Adesso inizia l’avventura più dolce e bella ma l’ultima settimana per la splendida mamma è stata davvero difficile anche se continua a ripetere che era tutto normale ma era davvero stanca col pancione.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.