Il videomessaggio della figlia di Claudio Lippi e il perdono della moglie

Claudio Lippi non si perdona il tempo perso, il tempo in cui è stato distante da sua figlia. Nonostante il perdono di sua moglie Kerima e il videomessaggio di oggi di sua Federica, il conduttore confessa ancora una volta il suo pentimento. E’ a Oggi è un altro giorno che Claudio Lippi ha festeggiato il suo compleanno. 76 anni e ancora una volta il racconto degli errori fatti in passato. Crede che sua moglie non l’abbia perdonato del tutto come padre. “Avrei dovuto e voluto essere più vicino a mia figlia anche se il tempo perso è stato totalmente recuperato e mia figlia e mia nipote sono per me la vittoria superiore”. Ed è Federica a commuoverlo con le sue parole. Claudio non se l’aspettava e fatica a trattenere l’emozione, ma da un po’ di tempo lo vediamo commuoversi facilmente quando si tratta della sua famiglia.

IL MESSAGGIO DI FEDERICA LIPPI A PAPA’ CLAUDIO

“Ciao papi, non ti lascio un attimo solo io e sono qui per ricordarti quanto di amiamo, sei un nonno e un papà super speciale e importante”. Sua figlia sembra rispondere ai suoi dispiaceri per gli anni in cui non c’è stato, perché preso da altro, perché aveva lasciato non solo sua madre ma anche lei.

Sei un uomo fantastico e non te lo devi dimenticare mai e poi sappi che nel bene e nel male noi saremo sempre insieme, uniti. Mi hanno chiesto un tuo difetto ma per oggi ti salvi perché ho più pregi che difetti. Quindi, ti ricordo quanto io ti posso amare. E ti aspetto a casa perché abbiamo un sacco di cose da fare insieme”.

Lippi non ha dubbi, le donne sono speciali, piangono quando c’è da ridere e ridono quando c’è da piangere. Si riferisce soprattutto alle sue donne e alla moglie a cui ha semplicemente chiesto scusa. “Forse non mi ha del tutto perdonato come padre; come uomo lei può fare benissimo a meno di me”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.