A Italia sì fischi per la vendetta di Morgan che continua ad attaccare Bugo (Foto)

Passano le ore e si inizia a scoprire cosa è accaduto davvero tra Morgan e Bugo durante queste serate del festival di Sanremo 2020. Non è ancora tutto chiaro ma da Italia sì i fischi che arrivano per Morgan dicono molto sul parere del pubblico a favore o contro il musicista che si sta rendendo protagonista pur con la squalifica al festival. Ascoltando le due campane adesso è più semplice comprendere e la lunga conferenza stampa ha chiarito le idee a molti ma Marco Castoldi continua a riferire la sua versione dei fatti. Sono uno contro l’altro se possibile anche più di stanotte. Attacchi e retroscena che non avremmo mai immaginato; fino a poche ore prima parlavano di una grande amicizia, di riconoscenza. Tutto finito fino a quando magari si chiariranno, ma per il momento ci sono i fischi mentre Morgan in collegamento con Italia Sì ripete che Bugo venderebbe sua madre…

MORGAN CONTINUA AD ATTACCARE BUGO

“Tutto nasce molto prima e gli dicevo guarda che il tuo manager ti sta plagiando e non voglio che ti metta contro di me ma è arrivato un giorno che ha iniziato che non voleva parlarmi se non c’era il manager” ripete cose già dette e continua: “Bugo ha visto questa come la sua ultima chance, avrebbe venduto anche sua madre e mi è dispiaciuto tanto perché Bugo lo vedevo come un amico”.

Il cantautore risponde ai fischi dicendo di guardare le immagini di Bugo sul palco di Sanremo sicuro che soffrisse perché non riusciva a emergere. Nessuna vendetta per lui che invece confessa stava vivendo un vero incubo per avergli fatto un favore. Morgan non si è ritirato solo perché secondo lui era ciò che volevano Brugo e il suo manager.

Chiude tutto Mauro Coruzzi dal palco del Nutella Stage che ospita Italia Sì: “La grandezza di Morgan è nella sua meravigliosa follia e purtroppo non sempre si comporta per la grandezza del suo talento”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.