Bianca Guaccero assente a Detto Fatto costretta a giustificarsi sui social: attacchi imbarazzanti

Vi avevamo detto, lunedì, che Bianca Guaccero sarebbe stata assente da Detto Fatto per motivi di salute e subito, senza allarmare nessuno ma con la professionalità che ci distingue, vi avevamo raccontato quale fosse il motivo della sua assenza. Problemi di salute che nulla hanno a che fare con il coronavirus. La conduttrice di Detto Fatto infatti, sempre dai social, aveva spiegato che stava poco bene a causa di una brutta gastroenterite. Ed è davvero imbarazzante che molti blog, come la stessa Bianca fa notare, abbiamo approfittato di questa situazione per creare dei titoli allarmistici e per acchiappare qualche click in più. La conduttrice di Rai 2 oggi ha dovuto fare un altro post sui social, quasi costretta a giustificarsi, come se dovesse essere malata per forza di quello che a casa alcuni haters pensano. La Guaccero ha quindi ribadito quello che sta succedendo e i motivi per i quali non la vedremo oggi a Detto Fatto ( in onda oggi una puntata breve di circa mezz’ora, il programma poi sarà sospeso).

BIANCA GUACCERO ASSENTE A DETTO FATTO E ATTACCATA SUI SOCIAL

Ecco le parole della conduttrice:

Ps ringrazio come sempre tutti i blog che hanno utilizzato titoli sensazionalistici speculando sulla mia salute. Invece che occupare i loro spazi per divulgare cose più importanti e che sono più utili alla società, in questo delicatissimo momento storico.

La conduttrice ha voluto specificare, come se ce ne fosse bisogno, quello che sta succedendo.

In questo momento storico è davvero assurdo pensare che ci sia gente capace di invadere i social per offendere o giudicare qualcuno. Ma purtroppo succede e per noi la cosa è davvero imbarazzante.

Con la speranza che queste parole di Bianca servano a mettere un punto a questa storia, facciamo alla conduttrice di Rai 2 i nostri migliori auguri per una pronta guarigione.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.