Adriana Volpe non ne può più di Magalli e parla di ossessione (Foto)

Nella querelle tra Adriana Volpe e Giancarlo Magalli siamo alla parola “ossessione”, l’ha utilizzata la conduttrice ormai davvero stanca degli attacchi del suo ex collega (foto). In realtà Magalli questa volta non aveva aggiunto altro, anzi aveva chiesto di mettere fine a tutto, evidentemente consapevole del meccanismo innescato e magari dell’errore commesso. Adrian Volpe invece non ha nessuna intenzione di mettere tutto a tacere, l’ha fatto per troppo tempo, così commenta, e adesso a domanda ogni volta risponde. A chiederle qualcosa in più è la rivista Tv Sorrisi e Canzoni e la bellissima ex gieffina vip non si è fatta pregare per commentare il pessimo rapporto con Magalli.

ADRIANA VOLPE E GIANCARLO MAGALLI, LA GUERRA NON E’ FINITA

Una vera e propria guerra che non è ancora finita perché i due protagonisti, o anche più, non si sono mai incontrati per chiarire. Sono passati vari giorni da quello scontro a distanza tra social e tv e la conduttrice di Tv8 è tornata sull’argomento, non ha certo intenzione di glissare e anzi ha aggiunto: “Non ne posso più… Ancora un attacco in un momento in cui lui non va nemmeno in onda e dovrebbe starsene in campagna e rilassarsi” per poi completare: “Le sue parole sono inqualificabili e non fanno altro che mostrare la sua bassezza umana. Sono il suo chiodo fisso, la sua, ormai, è un’ossessione”.

La Volpe più di tutto non ha digerito la faccina con l’invito a stare zitta e ancora una volta ha parlato di mancanza di rispetto nei suoi confronti e di quelli che lavorano con lei. A questo punto immaginiamo che se Magalli desidera davvero far terminare tutto non dirà altro.

Per quanto riguarda lo share del suo nuovo programma Adriana non sembra per niente preoccupata, si tratta di un percorso di vita che non punta agli ascolti ma a ben altro. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.