Dodi Battaglia propone concerti solo alle persone vaccinate (Foto)

Dodi Battaglia, così come gli altri componenti dei Pooh, è inevitabilmente segnato dalla morte di Stefano D’Orazio ed è soprattutto per la sua scomparsa che non riesce a sopportare le parole dei negazionisti o di chi è contro il vaccino (foto). Dodi può testimoniare in prima persona cosa si prova a perdere a causa del covid una persona cara. Stefano D’Orazio era per lui come un fratello, pensa a lui di continuo. Il batterista dei Pooh si è spento in ospedale da solo, colpa del covid. Battaglia sa bene che la maggior parte di chi si ammala guarisce, anche per suo figlio è stato così ma non è per tutti così. E’ indignato, cerca di lavorare, di pensare al futuro ma a Storie Italiane confessa la sua rabbia verso chi fa finta che il virus non esista. 

LA PROPOSTA DI DODI BATTAGLIA DEI CONCERTI SOLO PER I VACCINATI

Non tutti hanno intenzione di vaccinarsi, molti non vorrebbero mai diventasse obbligatorio ma ognuno ha la propria opinione, giusta o sbagliata che sia. Non c’è dubbio che il vaccino sia al momento l’unico modo per uscire dalla pandemia che ci tiene fermi da troppo tempo, per proteggerci tutti contro il covid. Dodi va oltre, pensa a un premio per chi si vaccina o a un permesso che possono avere solo i vaccinati.

“Sui vaccini mi verrebbe da dire ma perché non organizziamo esclusivamente per le persone vaccinate: prendi il biglietto ed entri solo se sei vaccinato”.

Un’idea che non ha suscitato nessuna reazione tra i presenti nello studio di Storie Italiane, troppo complicato parlarne in pochi minuti. 

“Di Covid si muore, vanno prese tutte le misure possibili” ha concluso Dodi Battaglia che come Roby Facchinetti non perde occasione per parlare di Stefano. E’ difficile rassegnarsi a una morte così assurda. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.