Jo Squillo a Verissimo: “Mamma e papà sono morti alla stessa ora, un dolore profondo”

Ha perso i genitori di recente Jo Squillo, entrambi, a un mese di distanza l’uno dall’altra, un dolore profondo che racconta a Verissimo. “Faccio fatica a parlare perché è ancora un dolore forte. Io non oso pensare a quelle persone che hanno perso i propri genitori senza un saluto. I miei genitori sono morti a distanza di un mese. Papà stava benissimo, sembrava avesse solo un piccolo ictus ma poi mi ha lasciato. Faccia ancora fatica, c’è ancora un po’ di rabbia”. Jo Squillo è addolorata non solo per l’ovvia mancanza ma perché ripensa agli ultimi momenti della vita di entrambi, alla malattia della madre. “La riabbia è per come ci lasciano, per come se ne vanno senza dignità e senza rispetto, senza cure adeguate, eppure negli ospedali sono straordinari ma non siamo pronti a capire come si può morire in un modo meno violento e meno da soli, come affrontare una malattia come quella degenerativa. Per me è stato difficile perché non sai come reagire”.

JO SQUILLO RACCONTA DELLA MADRE, DELLA MALATTIA

“A un certo punto guidavo e mia mamma mi chiede di fermarmi. Mi dice che da un portone stava uscendo il Titanic… e nessuno ti insegna come si fa…” è anche questo il suo dolore, non sapeva cosa fare, come reagire. Non riesce a sorridere delle cose che diceva sua madre, quando chiedeva per esempio a suo padre perché avesse due mogli. Vede gli altri che lo fanno ma lei sembra non darsi pace perché non sapeva cosa fare, così come non lo sanno gli altri.

I suoi genitori sono andati via alla stessa ora, alle 2,30. “Ti lasciano tantissimi messaggi” e racconta che quando è morta la mamma lei è volata via, ha fatto un viaggio e aveva rappresentata la madre con le libellule: “Quando scendo dall’aereo c’era uno stormo di libellule”.

“Capisco che la vita è così, lacrime e sorrisi. La vita me la sono conquistata giorno per giorno pensando proprio alla discriminazione che viene fatta sulle donne, dal nome che porto al fatto che ho iniziato a scrivere le canzoni mentre prima erano gli uomini a scriverle per le donne. Sono molto orgogliosa. Sono una sorella gemella e questo fatto di celebrare la vita sempre con gli altri mi ha segnato molto. Penso che abbiamo un compito enorme, quello di insegnare a quelli che vengono dopo, anche se io non sono mamma, che dobbiamo fare qualcosa, costruire qualcosa per noi”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.