Tommaso Zorzi al MCS con Malika: “Vedrai che si risolve tutto”

Tommaso Zorzi sarà ancora una volta al MCS, pronto a sostenere Malika nella puntata che andrà in onda mercoledì 14 aprile. Una puntata del Maurizio Costanzo Show già registrata, una puntata in cui si affronterà ancora una volta il tema dell’omotransfobia e speriamo si continui fino a quando ci saranno storie assurde e dolorose come quella di Malika Chaly. E’ la ragazza di 22 anni di Castelfiorentino che la famiglia ha cacciato di casa e addirittura minacciato di morte solo perché omosessuale, perché ha rivelato ai genitori che si era innamorata di una ragazza. Se sono i genitori i primi a non accettare i figli tutto diventa davvero drammatico. Da tre mesi Malika non può tornare a casa, non ha avuto lo stesso amore e la stessa fortuna di Tommaso Zorzi, non ha avuto accanto una famiglia come la sua ma l’ex gieffino vip è sicuro che tutto possa sistemarsi.

TOMMASO ZORZI DURANTE LA REGISTRAZIONE AL MAURIZIO COSTANZO SHOW

In una storia su Instagram appare con Malika: “Ragazzi sono qui con una persona che purtroppo non sarebbe mai dovuta diventare “famosa” per questo motivo” commenta l’opinionista che in molti vedono come un futuro conduttore di successo. Lei è emozionata, ringrazia Tommaso, è importante che più persone possibili conoscano la sua storia. “Vedrai che si risolve tutto” conclude Zorzi senza dire altro, attendendo che vada in onda la prossima puntata del MCS. 

Sul palco del Teatro Parioli ci saranno per la prima insieme anche Stefania Orlando e Francesco Oppini, i compagni di reality più cari per lui che ha vinto il GF Vip. La puntata si annuncia interessante ma anche divertente, come mostra sempre Tommaso Zorzi nelle sue stories beccando Oppini che fa lo shampoo nella doccia e gli chiede di non pubblicare niente… ma lui l’ha già fatto.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.