Tapiro per Diletta Leotta che spiega che fine ha fatto Can Yaman

Non ci sarà bisogno di fare intervenire nella questione Chi l’ha visto perchè la parola fine a questa storia la mette Striscia la notizia con il tapiro a Diletta Leotta. Che fine ha fatto Can Yaman? A spiegare il motivo per il quale il suo fidanzato è sparito dai social, ci pensa proprio Diletta che raggiunta da Valerio Staffelli, risponde alle domande dell’inviato di Striscia la notizia raccontando qualcosa in più sulle “manovre” social dell’attore turco. Can Yaman da qualche giorno ha disattivato i suoi profili social e in merito a questa scelta si è detto di tutto. Che fosse impegnato in un programma stile Celebrity Hunted ad esempio. Ma la voce che circolava maggiormente riguardava proprio Can e Diletta Leotta. Secondo molti infatti, l’amatissimo attore aveva deciso di staccare per un po’ dai social a causa della crisi con la conduttrice.

Ma oggi è Diletta Leotta a rompere il silenzio e, con il suo tapiro in mano, spiega che cosa sta succedendo.

Diletta Leotta spiega che fine ha fatto Can Yaman

Raggiunta dall’inviato Staffelli, come vedremo nella puntata di Striscia la notizia in onda il 20 aprile 2021, Diletta ha fatto il punto della situazione, smentendo anche le voci di crisi. Lei e Can sono felici e stanno insieme. La Leotta aggiunge: «Il matrimonio non è saltato, quelle che circolano sono solo voci: la storia d’amore è vera e sono molto felice. C’è solo da fare le cose con i tempi giusti. Lui si è tolto dai social per questioni di business».

Per la conduttrice si tratta del sesto Tapiro ricevuto dal Tg satirico. Il quinto le era stato consegnato in occasione del furto subito in casa nel giugno del 2020. Per tutti i dettagli e le altre rivelazioni di Diletta appuntamento quindi a stasera con una nuova puntata di Striscia la notizia.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.