Il figlio di Marina Ripa di Meana sconvolto accusa Lucrezia: “Sta vendendo all’asta i gioielli”

E’ pieno rabbia il figlio di Marina Ripa di Meana che a Storie Italiane accusa Lucrezia Lante della Rovere di vendere all’asta i gioielli della madre. Andrea è il figlio adottivo di Marina Ripa e nello studio di Rai 1 ha intenzione di continuare a raccontare ciò che ritiene assurdo. Andrea racconta di gioielli unici costati milioni e svenduti per molto meno. In particolare, racconta dell’anello di fidanzamento appartenuto alla nonna. Ricorda che Marina lo regalò a sua figlia per il 50esimo compleanno. Ricorda le parole di sua madre, che pur sapendo che a Lucrezia non piaceva voleva lo tenesse lei e voleva lo indossasse quando andava a trovarla. Sembra che Lucrezia l’abbia accontentata solo qualche volta. Un solitario di Bulgari venduto all’asta ma più che altro è il valore affettivo che rende importante quell’anello.

LUCREZIA LANTE DELLA ROVERE VENDE ALL’ASTA I GIOIELLI DI SUA MADRE?

Per Andrea li sta svendendo addirittura per poche centinaia di euro, per lui Lucrezia desidera cancellare la memoria della madre. Affonda il colpo: “Ma lei resterà sempre la figlia di…”.

Possibile che Lucrezia abbia questa intenzione? I gioielli di famiglia cui Marina Ripa di Meana teneva svenduti e per il Andrea Lucrezia non ha certo bisogno di soldi. C’è altro, c’è un’altra preoccupazione per lui che pensa già ai quadri e magari ad altro. 

“Ha ancora le ceneri in un angolo della cucina, quando Marina voleva fossero disperse in mare – ha confidato Andrea al Corriere – L’ultima persona che Marina ha voluto accanto prima di morire sono stato io, non è stata la figlia ha aggiunto Sono certo che Marina non avrebbe mai venduto quei gioielli che erano regali di Carlo, miei e di altre persone”. Come finirà questa storia che di certo lascia in ogni caso l’amaro in bocca, a prescindere da chi abbia ragione o meno.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.