Daniela Poggi ha visto sua madre consumarsi in dieci anni di malattia

Quando parliamo delle nostre mamme inevitabilmente raccontiamo di noi stesse e Daniela Poggi è ospite a Oggi è un altro giorno per raccontare di sua madre. Nel libro “Ricordami” racconta della mamma che ha sofferto per dieci anni di Alzheimer. Mamma Lydia era bellissima e ricordando quegli anni Daniela Poggi confida: “Avrei tanto voluto riportarla a un presente anche solo per una frazione di secondo” Non era più una figlia, si è ritrovata un po’ persa. Con questo libro tutto resterà per sempre ma è anche un modo per dirle che le vuole bene, pensa di non averglielo detto abbastanza. “Nel momento in cui avrei tanto voluto vivere questo rapporto tra due donne adulte…” non è stato più possibile, si è ammalata. La Poggi per 40 anni è stata via da casa, ha seguito la sua vita e con il suo ritorno avrebbe voluto quel dialogo che da giovane non riusciva ad avere. Ormai invece erano solo carezze, abbracci, sorrisi, cercava di giocare con lei, di ballare con lei. “Io sapevo chi era lei e lei non sapeva chi fossi ma io stessa avevo difficoltà a riconoscerla”.

DANIELA POGGI A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO 

Parla di un percorso molto difficile e doloroso ma anche straordinario perché ti insegna a guardare oltre. “Il dono che mi ha dato mia madre è straordinario”. Si riferisce a quanto le abbia fatto amare suo padre nonostante il tradimento, nonostante non fossero più felici insieme, c’era un’altra donna ma prima la madre ha fatto in modo che non lo sapesse, poi ha sempre fatto in modo che nessuna colpa ricadesse su di lui.

“Per lei la sua storia d’amore era poetica con mio papà e avrebbe voluto averla poetica anche con me ed era gelosa dei miei amori perché mi portavano via di lei. Mia mamma era una farfalla che volava e mio papà invece era materia, carnale, anche molto fisico. Credo che loro si siano innamorati follemente”. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.