Per mesi Sonia Bruganelli non ha fatto foto a sua figlia appena nata

Aveva paura di affezionarsi a sua figlia Sonia Bruganelli, non sapeva cosa sarebbe accaduto ed era spaventata. La moglie di Paolo Bonolis a Verissimo racconta delle foto che non ha mai scattato alla sua bambina, la primogenita, la sua Silvia. Non è la prima volta che Sonia Bruganelli tira fuori tutti gli errori che ha commosso agli inizi e lo fa con grande coraggio. Sa già che arriveranno altre critiche perché in tanti pensano a quello che potrebbe dire sua figlia ascoltando questa intervista. Potremo seguirla domenica 26 settembre ma le anticipazioni di Verissimo sono già un pugno nello stomaco. I genitori più fortunati capiranno meno ma la moglie di Paolo Bonolis parla di quell’ultimo mese di gravidanza, della nascita di sua figlia, per lei il peggiore degli incubi.

Sonia Bruganelli a Verissimo racconta dei primi mesi da mamma

Con un’ecografia scoprirono che la bambina aveva una cardiopatia grave, appena nata avrebbero dovuto operarla. Bastava questo per darle angoscia, per cambiarle la vita in un attimo, poi è andata anche peggio. Sonia non ha vissuto quel mese come tutte le mamme dovrebbero. Quando è nata la piccola non riusciva ad occuparsi di lei, l’ha fatto Paolo Bonolis, si è preso cura di lei e della bambina. Le prime foto a Silvia le ha scattate quando aveva già quattro mesi.

Non mi sentivo una mamma emotivamente all’altezza di quella situazione così difficile, sono stata molto criticata per questo, ma Paolo mi ha dato una forza enorme”. Oggi Silvia è maggiorenne purtroppo a causa di un’ipossia sopravvenuta a sette giorni dall’operazione ha dei danni permanenti. Le sue conquiste sono quotidiane. “Quando mi dice ‘mamma ti amo’ è meraviglioso” ma Sonia non dimentica quei mesi perché la sua vita è cambiata, perché non è quella che credeva di vivere e non si sentiva pronta, non riusciva ad accettarlo, aveva paura.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.