Il dolore di Gianni Morandi per la morte della figlia, con Maurizio Costanzo ricorda il dramma

Gianni Morandi figlia morta

Era la prima figlia di Gianni Morandi e Laura Efrikian ed è sempre stata l’ex moglie a parlarne, questa volta è il cantante a tirare fuori quel dolore del passato. Gianni Morandi è il primo ospite di Maurizio Costanzo, de L’Intervista, il programma in seconda serata che vedremo in onda mercoledì 20 ottobre su Canale 5. L’artista si racconta senza tralasciare i momenti di crisi e di dolore così come quelli più belli e pieni di passione grazie alla musica e all’amore. Era il 1967 e Gianni partecipava a Canzonissima, Laura Efrikian era incinta ma il parto era previsto per febbraio, Canzonissima terminava il 6 gennaio del ’67.La notte prima purtroppo sua moglie fu ricoverata d’urgenza, nacque la bambina che ha vissuto solo 8 ore. Un dolore immenso per la coppia.

Gianni Morandi primo ospite a L’Intervista di Maurizio Costanzo

“Doveva partorire a febbraio, ma ci fu questo anticipo e io stavo partecipando a Canzonissima del ’66 che finiva il 6 gennaio ‘67. Proprio la notte prima Laura fu ricoverata d’urgenza e purtroppo la bambina ha vissuto solo 8 ore. Penso che sia stato un grandissimo dolore soprattutto per lei ma anche per me” ha confidato a Maurizio Costanzo.

Gianni Morandi e Laura Efrikian si erano conosciuti sul set di In ginocchio da te, un amore immenso che ancora oggi ricordano con affetto. Sono poi arrivati altri figli, Marianna e Marco ma quel dolore non si può dimenticare.

Oggi Morandi è sposato con Anna Dan, stanno insieme da 19 anni, dal loro amore è nato Pietro. A L’intervista ovviamente racconta anche del loro rapporto, di quando l’ha vista per la prima volta: “Mi ha colpito moltissimo guardarla negli occhi, vedere questo sguardo che continua ad avere. Una donna aperta, allegra, gentile che però si ritirava indietro”. Ovviamente nel corso dell’intervista ha ripercorso non solo la carriera ma anche l’incidente di cui ancora oggi porta i segni.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.