Eleonora Pedron ricorda la morte della sorella: ha finto di non capire per aiutare la mamma

eleonora pedron verissimo

Tutto il dolore per la morte della sorella e del padre Eleonora Pedron l’ha descritto nel libro “L’ho fatto per te”. Ospite a Verissimo l’ex Miss Italia confida che quando ha scelto il titolo ha sognato suo padre che ripeteva “L’ho fatto per te”, gli capita raramente di poterlo vedere in sogno. Ha scritto la sua storia per sua madre, perché nell’incidente d’auto che ha causato la morte della sorella era sua madre che guidava. Eleonora Pedron ricorda di quella telefonata arrivata di notte. Il papà era sceso al piano di sotto per rispondere. La sua mamma chiedeva cosa fosse successo: “Nives non c’è più”. Ricorda le urla della mamma che chiamava il nome della sorella. “Quando mi chiedono cosa voglio diventare da grande rispondo sempre mia madre. La mia forza credo sia arrivata da lassù. Adesso che sono madre so che perdere un figlio è la cosa più terribile” si fa forza Eleonora, cerca di non fare scendere le sue lacrime.

Eleonora Pedron a Verissimo, non voleva vedere sua mamma soffrire

Solo oggi capisce davvero quel dolore ma anche se aveva solo 9 anni quando la sorella più grande è morta aveva in mente solo di rendere felici i suoi genitori, soprattutto sua madre che si sentiva in colpa. Non sapeva cosa volesse dire andare in cielo ma aveva capito tutto, faceva solo finta di non capire per evitare altra sofferenza a sua madre, per regalarle tanti sorrisi. Ci è riuscita.

“MI hai reso orgogliosa di te con questo libro anche se lo sono sempre stata, adesso di più. Sii sempre una persona semplice perché è una dote rara ma non tutti sanno portarla” è mamma Daniela che legge la lettera per la sua Eleonora e con la sua voce si scioglie, si lascia andare dopo avere raccontato con forza due momenti così drammatici della sua vita. La vita le ha insegnato che bisogna amare profondamente chi si ha accanto. Ha imparato anche a non tenersi più le cose dentro, non lo fa più.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.