Pierpaolo Pretelli deve chiudere Domenica IN dopo la caduta di Mara Venier

domenica in pierpaolo pretelli

Momenti davvero difficili per Pierpaolo Pretelli, preoccupatissimo per la caduta di Mara Venier oggi, mentre era in diretta la puntata di Domenica In. La conduttrice proprio non ce l’ha fatta ad andare avanti, si è scusata con Giuseppe Zeno, che era arrivato in studio per pubblicizzare la fiction Blanca, che andrà in onda da domani su Rai 1. Ha solo avuto la forza di mandare in onda il video di presentazione della serie. E purtroppo Pierpaolo, non era preparato a prendere il posto della conduttrice e forse neppure chi era in studio ha saputo indirizzare il giovane lucano. Niente gobbi, tanta difficoltà ma anche tanta preoccupazione, visto che Mara davvero, non stava bene. Chiudere un programma con qualche minuto di anticipo è sempre complicato ma è chiaro che la salute venga prima di tutto. E così alla fine sono stati i maestri della band e Pierpaolo a salutare il pubblico di Domenica IN, mentre Francesca Fialdini ha preso con qualche minuto in anticipo la linea, per poi lasciare spazio al TG.

La caduta di Mara Venier in diretta a Domenica IN

Pierpaolo Pretelli preoccupatissimo per Mara Venier

Pierpaolo ha cercato di assistere Mara per quello che ha potuto ma è chiaro che in queste situazioni di panico e caos, da parte di tutti è davvero complicato andare avanti. Lo stesso Giuseppe Zeno non è riuscito a dire molto, anche lui spaventato per quello che stava succedendo alla conduttrice. Si è rassicurato che stesse andando tutto bene, ha lasciato che Pierpaolo lanciasse il trailer della fiction in onda da domani, parliamo di Blanca, e poi sulle note di Abbracciame, il programma si è chiuso con il sorriso di Pierpaolo che davvero, non si aspettava un finale di questo genere.

Speriamo che per Mara questo sia solo un piccolo incidente. Purtroppo la conduttrice è caduta di faccia , come lei stessa ha detto in diretta e immaginiamo sia corsa ora in ospedale per tutti i controlli del caso.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.