L’aggressione a Linda Batista, a Storie Italiane l’attrice racconta tutto

Linda Batista storie italiane

Le immagini di ieri del volto di Linda Batista pieno di sangue hanno impressionato tutti. Oggi a Storie Italiane l’attrice ha raccontato cosa è accaduto. Si è trattato di un’aggressione omofoba da parte di donne, è da lì che è nato tutto ma l’intenzione di Linda Batista era solo quella di difendere un ragazzo. E’ accaduto a Dubai mentre erano a una festa, un episodio assurdo, incomprensibile. Lei è ancora sconvolta anche perché solo adesso si rende conto di cosa è accaduto. In collegamento con Storie Italiane spiega che era a cena con un gruppo di italiani, sono poi andati a una festa di compleanno e lì un ragazzo molto gentile è stato vittima di omofobia da parte di alcune donne. Gli hanno dato una spinta e Linda Batista a quel punto è intervenuta, si è avvicinata, è così che è avvenuta l’aggressione.

Linda Batista vittima di aggressione per avere difeso un ragazzo omosessuale

Quando l’attrice brasiliana si è avvicinata hanno spinto anche lei e le hanno dato una bottiglia di vetro in testa. E’ svenuta ed è caduta sul tavolo. Priva di sensi hanno continuato a infierire contro di lei. Le hanno poi raccontato che è stata colpita ancora sul viso con le scarpe, con i tacchi, mentre era ancora a terra.

Linda Batista si è risvegliata in ospedale: “Se non era per il mio compagno morivo dissanguata. Poi al nosocomio mi hanno dato 45 punti di sutura al viso con anestesia locale. Io ho sentito tutto…”. L’anestesia non è servita a non farle sentire il dolore ma non è questa la parte peggiore del suo assurdo episodio. Si trova a Dubai per lavoro e continua a raccontare che le forze dell’ordine hanno subito arrestato la responsabile dell’aggressione ma che adesso è già a piede libero, è stata rilasciata poco dopo. Ringrazia il suo compagno e chi l’ha aiutata. E’ assurdo, lei voleva solo difendere quel ragazzo che non conosceva e che non ha più rivisto. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.