Sandra Milo ricorda la malattia della madre, la sofferenza atroce

Sandra Milo madre

Non è la prima volta che Sandra Milo ricorda sua madre, che parla della sua malattia, di quanto abbia sofferto e di come l’abbia aiutata ad andare via. E’ sempre così doloroso per l’attrice che a Verissimo testimonia quanto sia favorevole all’eutanasia. Sandra Milo ospite di Silvia Toffanin domenica 28 novembre 2021 ricorda la drammatica malattia della madre; aveva un cancro ed era paralizzata a letto, non ce la faceva più a vivere, niente aveva senso perché aveva dolori insopportabili e riusciva a muovere solo le dita delle mani. E’ in lacrime che racconta ancora una volta tutto perché è importante parlarne. Per lei resta un peso anche se sa di avere fatto un atto d’amore, l’ha raccontato più volte. Quando la madre è morta Sandra era incinta della prima figlia.

Sandra Milo a Verissimo

“Mia mamma aveva un cancro che l’ha lasciata paralizzata a letto, poteva comunicare solo con le dita delle mani e aveva delle sofferenze atroci che non riusciva più a sopportare”. Per lei l’eutanasia è una cosa giusta, usa queste parole, ha provato tutto sulla sua pelle, con sua madre.

C’è anche altro che in questi anni continua a tormentare Sandra Milo; problemi economici che non la fanno vivere serena. Continua a lavorare, non si ferma mai, lo fa soprattutto per la sua famiglia, per i figli. “La questione non è finita, però ho deciso di combattere per sostenere quelli che sono i diritti miei e della mia famiglia. Tutti quanti in Italia abbiamo fatto dei debiti. Io intendo pagare, ma solo quello che devo, non un carico ingiusto” deve dei soldi al fisco, ne ha già parlato proprio a Verissimo due anni fa.

L’appuntamento con l’intervista di Sandra Milo a Verissimo è domenica alle 16:30 su Canale 5. Ci saranno tanti altri ospiti, come sempre.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.