Sara Ricci sulla morte di Paolo Calissano: “Maledette le persone che si sono approfittate di lui”

sara ricci paolo calissano

Sara Ricci sta vivendo giorni di dolore dopo la morte di Paolo Calissano; ospite a Verissimo domani 8 gennaio 2022 ha delle cose importanti da dire. Non è solo il ricordo della persona che era Paolo a smuovere le emozioni di Sara Ricci ma anche la rabbia che nutre nei confronti di chi si è approfittato della sua fragilità. Le accuse dell’attrice sono forti, parla di determinate sostanze, maledice chi per denaro ha circondato Paolo Calissano di cose che non potevano di certo aiutarlo. Non si è suicidato, anche lei come il fratello e l’ex fidanzata è certa che non l’avrebbe mai fatto, anche perché aveva progetti e provini da raccontare. Forse qualcosa si stava muovendo per Paolo, la depressione era sempre presente ma non si sarebbe mai ucciso.

Le lacrime di Sara Ricci per Paolo Calissano

“La morte di Paolo non è stata qualcosa di voluto. So che aveva voglia di riscattarsi. Per lui c’erano anche delle nuove prospettive di lavoro. Recentemente aveva fatto dei provini e stava ottenendo dei risultati” non ha dubbi Sara che a Verissimo confida: “Sono arrabbiata con le persone che si sono approfittate di lui, sono dei maledetti. Per soldi hanno fatto in modo di circondarlo di determinate sostanze”.

Sara Ricci aggiunge che Paolo Calissano aveva un profondo senso di inquietudine da sempre, dall’infanzia: “Paolo è finito in questa situazione perché era depresso. Con me, fuori dal set, si lamentava spesso anche se agli altri si mostrava sempre preparato, lucido e un gentiluomo. Credo che il suo malessere nascesse dai primi di anni di vita, a causa dei suoi genitori”.

Non si vedevano da un po’ di tempo ma il loro legame era rimasto lo stesso. Tra Sara e Paolo e una sintonia speciale. Fino a qualche anno fa si incontravano a Roma perché abitavano vicini: “Quando lo vedevo era una gioia e stava bene. Siamo stati una coppia molto amata dal pubblico. Tra di noi c’è stato un grande amore del tipo amicale”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.