La casa di Giancarlo Magalli piena di telecamere, anche per controllare sua figlia

magalli telecamere casa

Giancarlo Magalli e sua figlia Michela sono stati tra i protagonisti de Il cantante mascherato, ieri ospiti di Francesca Fialdini nello studio di Da noi a ruota libera. Tanti gli episodi da raccontare e anche le telecamere in casa da contare. Magalli ne ha ben 20. Venti telecamere in casa utilizzate anche per controllare la figlia. Michela Magalli conferma tutto, che suo padre sapeva sempre tutto di lei, che lui e la mamma sono stati genitori fissati col controllo. Il conduttore ammette che con quelle telecamere ha spesso spiato i compleanni di sua figlia, le feste in casa con gli amici. E’ la figlia a svelare tutto. Non lo faceva di nascosto, dopo la festa le diceva che era bella mentre spegneva le candeline. Un atteggiamento che forse un po’ l’ha soffocata, infatti una notte è scappata di casa.

Giancarlo Magalli ricorda quando la figlia è scappata di casa

“Io so come sono stato io, in lacrime, è stata a casa di amici, almeno non era ad Amsterdam”. Michela confessa che erano molto severi: “Mamma e papà sono due precisini, mi hanno trasmesso questa cosa, fissati col controllo. Io avevo 15 anni era l’età della ribellione – e riferendosi a quella notte – Ovviamente mi dispiace non volevo dargli un dolore”.

Hanno partecipato insieme al programma di Milly Carlucci, nell’enorme lumaca hanno fatto una gran fatica, ognuno pensa di aver fatto più dell’altro. “Visto che io mi sono avvicinata al tuo mondo tu ti puoi avvicinare al mio e possiamo farci un tatuaggio insieme” è la proposta di Michela al padre inorridito. Una lumachina sul polso per entrambi, forse la faranno davvero.

Si scopre così che Magalli è un papà molto geloso e che ogni volta che la sua Michela pubblica una loro vecchia foto piange. Si commuove ogni 19 marzo, quando lei posta la foto da bambina con lui sull’amaca.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.