Celiachia nelle donne, come scoprirla?

Moltissime persone soffrono di celiachia e tra queste la maggior parte sono donne. Ecco perché, in occasione della Festa della Donna che si celebrà domenica 8 marzo, l’AIC ha pubblicato una sorta di guida per avvicinare e sensibilizzare le donne su questa delicata malattia che in alcuni casi si porta dietro sintomi silenti e per questo motivo non viene diagnosticata subito, con conseguenze che possono rivelarsi pesanti sulla donna.

La celiachia non è una malattia grave, tuttavia deve essere curata nei modi e nei tempi giusti perché non sfoci in patologie più serie. L’obiettivo della guida messa a punto dall’Associazione Italiana Celiachi serve proprio a questo: a smuovere le coscienze di coloro che potrebbero essere malati di celiachia ma che non lo sanno.

 CELIACHIA, ALIMENTI GLUTEN FREE MIGLIORI CON LA CANAPA

I numeri sono impressionanti: le donne celiache sono circa il doppio degli uomini (400mila vs 200mila) ma tra queste 400mila più della metà (280mila) non sanno di esserlo e per questo continuano ad affidarsi a una alimentazione che prevede l’utilizzo di glutine e grano, l’elemento più dannoso per chi soffre di questa malattia. Spiega Marco Silano, coordinatore del board scientifico di AIC:

Il 72% dei pazienti con celiachia è ancora in attesa della diagnosi. Soprattutto donne poiché la celiachia non di rado si manifesta nel sesso femminile con sintomi atipici, non hanno neppure il sospetto di non tollerare il glutine. Anche le alterazioni del ciclo e l’amenorrea sono disturbi frequenti nelle donne celiache non diagnosticate, così come l’anemia da carenza di ferro che si manifesta in circa una celiaca su due. Una celiachia non riconosciuta, inoltre, aumenta il rischio di problemi in gravidanza

DIAGNOSI CELIACHIA: ARRIVA UN NUOVO TEST PIÙ RAPIDO

Insomma una diagnosi precoce è fondamentale, soprattutto nelle donne, per ridurre i rischi legati a questa malattia che è in costante crescita soprattutto tra la popolazione femminile. La guida Donna e Celiachia, realizzata dal Comitato scientifico dell’Associazione e disponibile su www.celiachia.it, a breve diventerà anche cartacea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.