Lo shock anafilattico come si manifesta, quali i sintomi più diffusi e il farmaco più adatto


Potrebbe capitare a tutti oppure assistere ad una persona colta da shock anafilattico. Spesso ci chiediamo cosa fare cosa non fare se succedesse a noi. Ed ecco una piccola guida per aiutarvi a capire di cosa parliamo quando sentiamo dire shock anafilattico e soprattutto come intervenire se ci troviamo in questa situazione. Lo shock anafilattico detto in parole semplici è una grave reazione allergica. Se non trattato bene e soprattutto tempestivamente può portare alla morte. Lo shock anafilattico può essere di due tipi: immunologico e non immunologico. In entrambi i casi vengono rilasciate istamine e altre sostanze specifiche che diminuiscono la pressione sanguigna provocando edemi, broncospasmi.


Farmaci, alimenti, lattice e punture di insetti sono i maggiori responsabili degli shock anafilattici. I sintomi si manifestano dopo pochi minuti fino ad un’ora da quando si è entrati a contatto con l’allergene. Nella maggior parte dei casi le reazioni anafilattiche gravi sono precedute da manifestazioni cliniche di minore entità, come l’orticaria o una lieve crisi asmatica.

ALLERGIA PRIMAVERILE COME COMBATTERLA IN MANIERA NATURALE

I sintomi più conosciuti dello shock anafilattico sono costituiti da eritema e prurito diffusi, orticaria, gravi difficoltà respiratorie, disturbi gastrointestinali, sino ad arrivare al collasso cardio-circolatorio. Come fare in caso di shock anafilattico? Sicuramente se abbiamo la possibilità andare quanto prima nel pronto soccorso più vicino. Seconda cosa è fondamentale l’adrenalina. Questa sostanza, infatti, può risolvere in maniera brillante ed efficace una reazione anafilattica grave, riducendo tutti i sintomi ad essa correlata.

RITIRATO UNO SPRAY NASALE PER GRAVI REAZIONI ALLERGICHE -CLICCA QUI

Se lo shock anafilattico è molto serio, oltre all’ adrenalina servono farmaci per alzare la pressione, steroidi in larghe dosi. L’ adrenalina resta comunque il farmaco decisivo per limitare i danni. Che dovrebbero portare con se l’adrenalina soprattutto chi soffre di malattie allergiche e quindi soggetti a reazioni gravi come shock anafilattici. In forme più lievi anche farmaci come antistaminici o cortisonici potrebbero bastare a fermare uno shock anafilattico.


Leggi altri articoli di Salute

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close