Giorgia rifiuta i ritocchini, spiega perché si tiene tutte le rughe

Su Grazia Giorgia siega perché si tiene tutte le rughe e rifiuta i ritocchini
giorgia rughe

Sulla nuova copertina di Grazia questa settimana c’è Giorgia, la cantante, lei che non ha bisogno del cognome per presentarsi al pubblico, da sempre. Non ha nemmeno bisogno dei ritocchini, Giorgia si tiene le rughe, tutte, lo dice subito e racconta che alle rughe si sta abituando. Molte donne della sua età, 51 anni, si ritroveranno nelle sue parole quando spiega che al mattino a volte ci si sveglia ed è cambiato qualcosa. Il problema della cantante non sono le rughe ma è non sentire l’età che all’anagrafe le ricordano. Giorgia sente di averne 27, poi dice una grande verità, quella che non siamo più abituati a vedere le donne con le rughe, questo è un gran problema. Non si nasconde, confessa cosa ha pensato guardando un’intervista di Gigliola Cinquetti, lei le rughe le ha e non le cancella ed il primo pensiero di Giorgia è stato quello di tutti: “Come è invecchiata”.

Giorgia dice no ai ritocchini

“Alle rughe mi sto abituando. Arrivano così, all’improvviso: vai a letto, ti svegli e ti vedi diversa. Ma dentro ti continui a sentire una ventisettenne: quello è il problema” ma c’è altro e lo racconta. “La verità è che non siamo abituati a vedere le facce delle donne con le rughe”. Spiega cosa ha pensato sulla Cinquetti: “Guardando un’intervista alla cantante Gigliola Cinquetti, ho pensato: ‘Com’è invecchiata’. Ma diceva cose poetiche: ho cominciato allora a vedere la bellezza nel suo viso. Se ci abituassimo a vedere più donne segnate dal tempo ne saremmo meno scioccati”.

L’artista su Grazia prosegue: “Ma c’è una forte pressione sociale per essere sempre giovani. Bisognerebbe avere uno sguardo d’amore su di sé, altrimenti ci si ammala”. Non è solo questo che la tiene lontana dai ritocchi estetici, dal cancellare le rughe sul viso. In realtà non faccio niente sul mio viso non perché sono virtuosa, ma perché sono fifona: per me già prendere un antinfiammatorio è una tragedia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.