Hillary Clinton: “Putin ricorda Hitler negli anni ’30”

L’agenzia TM News ha recentemente riportato una dichiarazione piuttosto forte dell’ex segretario americano di stato Hillary Clinton nei confronti di Vladimir Putin. Il paragone poco diplomatico sarebbe stato fatto dalla moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti durante un evento benefico a Long Beach, in California. Il resoconto del discorso è stato reso noto dal Long Beach Press Telegram.

“Il presidente russo si sta comportando in Ucraina come Hitler negli anni ’30 – avrebbe detto la Clinton -, dei tedeschi in posti come Cecoslovacchia, Romania e altri, Hitler continuava a dire che non erano trattati in modo giusto. Devo andare e proteggere la mia gente diceva. È per questo che la situazione sembra familiare e rende tutti così nervosi. In effetti, Vladimir Putin, ha detto di avere il diritto di proteggere la popolazione russofona nell’est dell’Ucraina. “Il presidente russo – avrebbe continuato la donna – è un uomo che crede che la sua missione sia di ristabilire la grandezza russa. Quando guarda l’Ucraina, vede un posto che crede sia per natura parte della Madre Russia. Tutti sperano che ci sia un negoziato, ma un negoziato che rispetti l’Ucraina e che non ratifichi la rioccupazione della Crimea da parte della Russia.Tutti vogliono trovare una soluzione diplomatica ed è quello che dovremmo cercare di ottenere”. Parole forti (se pronunciate realmente) quelle di Hilary Clinton che tuttavia, stando a diverse fonti, avrebbe abbassato il tiro dicendo che non vi è alcuna indicazione che Putin sia tanto irrazionale come l’istigatore della Seconda Guerra Mondiale…

Non è la prima – L’ex segretario americano di stato non è certo la prima persona ad aver paragonato Putin ad Hitler. Fortissime sono infatti state le accuse delle comunità LGBT (acronimo utilizzato come termine collettivo per riferirsi a persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) nei confronti del primo uomo di Mosca dopo l’approvazione (all’unanimità) della legge anti-gay, promossa a pieni voti anche dalla Chiesa ortodossa. Durante i sit-in, i manifestanti hanno mostrato cartelli in cui Putin veniva rappresentato come Hitler. Caso più vicino a noi e più recente, riguarda la manifestazione degli ucraini in Italia, dinanzi all’ambasciata della Russia a Roma: svastiche, foto di Hitler e striscioni con scritte in cirillico. La comunità ucraina di Roma si è radunata a pochi metri dall’ambasciata della Russia nella capitale per protestare contro l’invio delle truppe russe in Crimea. “Putin, giù le mani dall’Ucraina” e “Putin=Hitler” sono gli slogan scanditi dai manifestanti.

Un brutto segnale – Una cosa è certa, la dichiarazione di Hillary Clinton non passerà inosservata. La tensione scatenatasi in Ucraina ha già evidenziato diversi scenari. Alcuni piuttosto preoccupanti. Come noto, Hillary Clinton è candidata alle presidenziali del 2016. Ora ci chiediamo: quali scenari potrebbero materializzarsi con Hillary sul tetto più alto del mondo? Probabilmente questa è fanta-geo-politica ma l’incubo della “Seconda Guerra Fredda” rimane, soprattutto conoscendo lo spirito salvator-colonialista degli Stati Uniti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.