Bari, disabile di 31 anni muore di stenti: i genitori sotto accusa

bari, disabile trovata morta, genitori indagati

Bari, una disabile di 31 anni è morta di stenti. E’ accaduto precisamente a Polignano a Mare, dove è stata ritrovata senza vita dai genitori. Quest’ultimi sono finiti sotto indagine, accusati di abbandono. Infatti, all’interno dell’appartamento, è carabinieri hanno notato delle condizioni igieniche pessime. Pertanto, la Procura di Bari ha deciso di aprire un’indagine. Le ultime notizie rivelano che la disabile 31enne è morta lo scorso 6 gennaio.

BARI, DISABILE DI 31 ANNI TROVATA MORTA IN CASA ULTIME NOTIZIE: I GENITORI ACCUSATI DI ABBANDONO

Bari, una disabile di 31 anni è stata trovata morta dai genitori nell’appartamento a Polignano a Mare. Le ultime notizie rivelano che i genitori sono finiti sotto accusa, indagati per abbandono di persona incapace, aggravato dalla morte. A quanto pare, il decesso sarebbe avvenuto per stenti. La disabile è morta il 6 gennaio. A chiamare i soccorsi ci hanno pensato i genitori, dopo aver ritrovato la figlia senza vita all’interno dell’appartamento. Gli investigatori hanno rilevato in casa delle pessime condizioni igieniche, nelle quali la disabile era costretta a vivere. La pm Bruna Manganelli ha accertato, nelle ultime ore, che per anni i genitori hanno rifiutato l’aiuto dei servizi sociali per la donna disabile. Anche per tale motivo, la magistratura pensa che potrebbero essersi delle responsabilità da parte dei genitori sul decesso della 31enne, proprio per non averla curata e nutrita in modo adeguato.

DISABILE DI 31 ANNI MUORE: DA ANNI LA FAMIGLIA ERA SEGNALATA PER IL GRAVE DEGRADO IGIENICO E SANITARIO

La disabile di 31 anni morta a Polignano a Mare viveva in condizioni pessime ed è proprio dentro la sua abitazione che i genitori l’hanno trovata morta. Sul corpo della donna verrà effettuata l’autopsia, proprio per accertare la causa del decesso. A portare avanti le verifiche legali sarà il medico Antonio De Donno e verranno svolti all’interno dell’istituto di medicina legale del Policlinico di Bari. Il sindaco di Polignano a Mare, Domenico Vitto, ha comunicato che la situazione era, da tempo, seguita dai “servizi sociali del Comune, è stata segnalata agli organi competenti”. Anche l’Asl era stata informata delle condizioni della famiglia e della donna disabile. Ma non solo: i vicini di casa avevano più volte segnalato il grave degrado igienico e sanitario in cui viveva l’intera famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.