Covid-19, Solinas rilancia la proposta: “Per entrare in Sardegna certificati sanitari”

Il presidente della regione Sardegna, Christian Solinas, rilancia la sua proposta per cercare di arginare il numero di contagi da covid 19 nella sua regione. Precisa che la situazione sull’isola sta migliorando, ma bisogna comunque difendersi dalle varianti. Per tale motivo, chi entra nella regione dovrà presentare il certificato di vaccinazione oppure il test che conferma la negatività. Questo sistema dovrebbe partire già prima dell’estate. L’intenzione di Solinas è quella di non ripetere lo stesso errore dello scorso anno quando sull’Isola erano arrivate migliaia di persone e il virus è circolato in modo esponenziale.

COVID-19, CHI ENTRA IN SARDEGNA DEVE PRESENTARE CERTIFICATO DI VACCINAZIONE O TEST NEGATIVO: SOLINAS RILANCIA LA PROPOSTA

Chi entra in Sardegna dovrà necessariamente presentare un certificato che conferma la negatività al Covid-19 oppure quello di avvenuta vaccinazione. Solo in questo modo sarà possibile approdare nella regione. Dopo il cambio dei colori, ecco che il presidente della Sardegna, Christian Solinas, decide di rilanciare questa sua proposta. Sebbene sia stato registrato un miglioramento sull’isola italiana, è comunque necessario tenere al sicuro i cittadini dalle varianti del Coronavirus, che stanno generando preoccupazione in Italia. Già lo scorso anno, quando è arrivata la stagione estiva, Solinas aveva provato a far passare questa sua proposta. Tale misura era stata poi bocciata prima dai ministri Boccia e Speranza, poi anche dal Tar.

Il presidente della regione ci riprova e si dichiara pronto a mettere in atto questo sistema dell’obbligatorietà dei test nei porti e negli aeroporti prima dell’estate. Solinas è preoccupato che possa accadere quanto è avvenuto lo scorso anno. Nei mesi estivi, infatti, la Sardegna era passata da zona quasi Covid free a una regione caratterizzata dai boom di contagi, in quanto gli arrivi dei turisti non prevedevano dei controlli. L’isola, già profondamente colpita dalla crisi economica a causa del crollo del settore turistico, non può commettere lo stesso errore dello scorso anno.

La proposta di Solinas potrebbe, però, generare un nuovo scontro con il Governo. Il presidente della regione fa sapere, al quotidiano L’Unione Sarda, che la situazione epidemiologica è sotto controllo. Nonostante ci siano “più luci che ombre e le condizioni per uscire da questo incubo”, la regione non può rischiare di ritrovarsi a combattere contro le varianti del virus. Proprio per questo motivo, Solinas è convinto che sia necessario mettere in atto un “modello di tutela della salute dei sardi e delle attività economiche”, ricorrendo appunto alle certificazioni sanitarie. Tale sistema dovrebbe essere introdotto, secondo il presidente dell’isola italiana, a breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.