In Italia crescono le micro zone rosse: tutte le aree interessate

Le nuove varianti del covid 19 si diffondono sempre di più nel nostro paese e con grande velocità. Destano preoccupazione, soprattutto per la difficile situazione in alcuni ospedali dove il numero dei posti, per ricoveri e terapia intensiva è al collasso; tra le aree più colpite l’intera provincia di Perugia, ma anche quella di Pescara. In Umbria molti abitanti parlano persino di una nuova Codogno. Ma sono tanti i posti in cui le nuove varianti lasciano il segno; ieri ad esempio è arrivata una nuova ordinanza dalla regione Lombardia che mette in zona rossa ben 4 comuni del suo territorio. Aree a rischio dove le varianti inglesi e brasiliane si sono imposte. Non solo; le micro aree in zona rossa in Italia, nelle ultime settimane, si sono moltiplicate.

Facciamo il punto.

Zone rosse in Lombardia: nuova ordinanza del presidente Fontana

In Lombardia da oggi 4 città in zona rossa: una nel Bresciano, a Castrezzato, una nel Varesotto, a Viggiù, una nel Pavese, a Mede, e l’ultima a Bollate, alle porte di Milano. I quattro comuni verranno “chiusi” fino al 24 febbraio. Una settimana e poi si deciderà il da farsi.

Zone rosse in Umbria: la situazione

Dal 7 febbraio tutta la provincia di Perugia sei piccoli comuni del Ternano (Lugnano in Teverina, Attigliano, Calvi dell’Umbria, Amelia, San Venanzo e Montegabbione) sono in zona rossa

Zone rosse in Abruzzo: la situazione

Dal 14 febbraio l’Abruzzo è diviso a metà. La regione è passata in zona arancione, come da ordinanza del 13 febbraio del ministro della Salute. Ma già nei giorni scorsi il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, aveva emanato un’ordinanza più restrittiva per le province di Chieti e Pescara a cui viene applicato il regime di zona rossa.

Non solo zona rossa. A passare in arancione, quindi, almeno per i prossimi quattordici giorni, sono solo le province di Teramo e L’Aquila.

Zone rosse in Molise: la situazione

Dall’8 febbraio 28 comuni del Basso Molise sono in zona rossa: la decisione del presidente della Regione Donato Toma con un’ordinanza su indicazione dell’Asrem, l’azienda sanitaria regionale.

Zone rosse anche nel Lazio: Roccagorga per due settimane in zona rossa

 Dal 15 febbraio, e per 14 giorni, è in zona rossa Roccagorga, paese di circa 4mila abitanti in provincia di Latina. Il numero di contagi ha spinto la Regione Lazio ad adottare la misura. Lo Spallanzani ha però escluso che si possa trattare di una mutazione della variante inglese.

Limitazioni di mobilità nelle Marche: la provincia di Ancona isolata

Nuova ordinanza anche per la regione Marche: fino alle 24 di sabato 20 sono limitati gli spostamenti da e per la provincia di Ancona, salvo quelli “per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute e di studio e per il rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione”. L’annuncio è arrivato dal governatore Francesco Acquaroli, in un post su Facebook.

Ci sono poi anche altri comuni nei quali si rispettano le regole delle zone rosse. La situazione purtroppo, come avrete capito, è molto complicata non si esclude infatti, che il nuovo Governo, in vista del DPCM che entrerà i vigore dal 6 marzo 2021, non torni a pensare a misure più severe da adottare per le chiusure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.