Angelica uccisa in casa dal marito: “Venite l’ho ammazzata”

E’ davvero assurdo dover commentare, dover dare notizia, con questa “regolarità” della morte di una donna o meglio, del suo femminicidio. Questa mattina una donna è stata ammazzata a Vicenza, ieri sera, Angelica è stata uccisa da suo marito nel cagliaritano. E il numero delle donne uccise cresce di giorno in giorno, nell’ultima settimana almeno due al giorno. Vicende che mai avremmo voluto raccontare, da nord a sud Italia, storie che lasciano davvero l’amaro in bocca. E quella di Angelica Salis è l’ennesima vicenda di una donna che è stata uccisa dalla persona che diceva di amarla. L’ha uccisa con un coltello da cucina e poi ha chiamato i soccorsi: “Venite, ho ammazzato mia moglie” ha detto il marito di Angelica.

E purtroppo ancora una volta si parla di “tragedia annunciata”. Solo il giorno prima infatti, Angelica era riuscita a trovare riparo in un bar, dove aveva chiesto aiuto. Suo marito infatti l’aveva picchiata. Era stato richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Angelica però è tornata a casa e suo marito, non ha sbagliato una seconda volta.

Angelica Salis uccisa a 60 anni dal marito in casa

Non è ancora chiara la dinamica dei fatti ma pare che l’omicidio sia arrivato dopo una lite furiosa tra i due in casa. L’uomo avrebbe preso un coltello da cucina, uccidendo sua moglie che è stata ritrovata in una pozza di sangue ormai senza vita dai soccorritori, arrivati sul posto dopo la telefonata fatta dall’uomo.

Dopo la chiamata al 112, Paolo Randaccio, 67 anni, si è messo lì, in sala da pranzo, ad aspettare l’arrivo dei carabinieri di Quartu Sant’Elena. Il corpo della moglie era in una pozza di sangue: la coltellata al collo è stata fatale. Randaccio è stato fermato con l’accusa di omicidio volontario e condotto nel carcere di Uta. La salma della donna è stata trasportata all’istituto di Medicina legale di Monserrato per l’autopsia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.