La storia del piccolo Giovannino, parla il ginecologo: “Telefonate a vuoto, le persone scappano da situazioni simili”

Ci sarà davvero qualcuno pronto a prendersi cura del piccolo Giovannino il bambino che ha l'ittiosi di Arlecchino?

 Silvio Viale è il ginecologo dell’ospedale ginecologico Sant’Anna di Torino che questa mattina ha pubblicato sui social un post dedicato al piccolo Giovannino, il bambino che soffre dell’ittiosi di Arlecchino, una malattia che lo condanna a una bravissima vita, fatta di cure e giornate in ospedale. La storia del piccolo Giovannino ieri è finita su tutti i giornali. I genitori non se la sono sentita di prendersi cura del piccolo e hanno deciso di lasciarlo in ospedale, pensando magari che, come avevano previsto i dottori, dopo poche settimane di vita sarebbe morto. Il bambino però continua a lottare, anche grazie alle cure dei medici che si stanno occupando di lui. Ma l’ospedale non potrà aiutare il piccolo perchè tra qualche mese non ci saranno più i fondi per prendersi cura del bambino. Anche per questo ieri la notizia era rimbalzata da un sito all’altro, nella speranza che qualcuno decidesse di adottare il piccolo. Il dottor Viale però oggi vuole fare il punto della situazione, spiegando che, prendersi cura di un bambino come il piccolo Giovannino non è semplice. Servono tempo e denaro, molti soldi per permettersi le cure del piccolo. Ed è per quest che nella sua intervista per Open fa anche il punto della situazione, spiegando che la gara di solidarietà iniziata in queste ore, di cui tanto si parla, probabilmente non porterà a nulla, perchè nessuno si rende conto, di quello che significa prendersi cura di un bambino che ha questa malattia.

LA STORIA DEL PICCOLO GIOVANNINO: UNA GARA DI SOLIDARIETA’ INUTILE?

Al giornalista che chiede come giudica questa gara di solidarietà iniziata nelle ultime ore, il dottore risponde:

La giudico una cosa penosa, mi dispiace dirlo. E troppo facile sorridere, fare i pietosi e mostrare magnanimità a parole, facendo telefonate a vuoto. Il punto è che nessuno si è preso la briga di capirci qualcosa, nessuno sa a cosa sta andando incontro e nessuno ha voluto, per ora, sapere nulla di Giovannino

Per il dottore questa storia potrebbe avere un solo finale:

Mi auguro ci sia un qualche benefattore milionario, lì, da qualche parte, che si faccia carico della cosa. Diversamente, nessuno lo adotterà, le persone scappano da situazioni simili .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.