Alta velocità si cambia dall’1 agosto 2020: senza distanziamento, obbligo mascherina


Novità per chi da oggi 1 agosto 2020 prenderà un treno ad Alta Velocità. Niente più distanziamento sui treni, questo significa che i posti saranno tutti occupati per cui ci si ritroverà a viaggiare con altre persone accanto. Le novità che partono dal primo agosto 2020 riguardano i treni  Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e Italo; da oggi possono viaggiare al 100% dei posti. Le due aziende di trasporto fanno sapere che si sono realizzate le condizioni poste dal dpcm del 14 luglio. Il ministero dei Trasporti ha dato l’ok alla deroga, nonostante i timori del Comitato Tecnico Scientifico. Se ne riparlerà, pare, il 7 agosto 2020, quando si tornerà a fare il punto sulla situazione in Italia e sui nuovi casi da coronavirus.

Il numero di contagi, da un paio di giorni anche in Italia, è tornato a salire come succede in diverse nazioni ( pensiamo alla Spagna dove si sono registrati anche 1000 nuovi casi in sole 24 ore). Ed è per questo che il comitato tecnico scientifico ha delle perplessità in merito.

COSA CAMBIA SUI TRENI ALTA VELOCITA’ DA OGGI 1 AGOSTO 2020

I passeggeri che da oggi prenderanno un treno ad alta velocità, dovranno fare le stesse cose che si fanno per i viaggi su altri treni. E quindi la misurazione della temperature prima del viaggio; l’autodichiarazione dei passeggeri che certifica di non aver avuto contatti con persone contagiate dal Covid; l’obbligo della mascherina con la sostituzione dopo 4 ore ( resta da capire chi passerà a controllare che la mascherina venga cambiata e come lo potrà verificare).

Non su tutti i treni però i posti saranno occupati al 100%.

Il Mit dà nuove disposizioni secondo le quali “è consentito derogare al distanziamento interpersonale di un metro, a bordo dei treni a lunga percorrenza, nei casi in cui – si legge in un comunicato -: l’aria a bordo venga rinnovata sia mediante l’impianto di climatizzazione sia mediante l’apertura delle porte esterne alle fermate, i flussi siano verticali e siano adottate procedure al fine di garantire che le porte di salita e discesa dei viaggiatori permangano aperte durante le soste programmate nelle stazioni, nonché nel caso in cui siano adottati specifici protocolli di sicurezza sanitaria, prevedendo in particolare la misurazione, a cura del Gestore, della temperatura in stazione prima dell’accesso al treno e vietando la salita a bordo in caso di temperatura superiore a 37,5 °C; siano disciplinate individualmente le salite e le discese dal treno e la collocazione al posto assegnato, che in nessun caso potrà essere cambiato nel corso del viaggio, al fine di evitare contatti stretti tra i passeggeri nella fase di movimentazione.

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close