A Rosà uccide sua moglie e poi si toglie la vita impiccandosi

 Ci sono ancora pochissime notizie ma sembra proprio che la giornata di oggi di concluda con una seconda notizia che riguarda la cronaca nera . Quello che sembrava poter essere un caso di violenza contro una donna è in realtà il dramma di una coppia di 80enni che avevano forse bisogno di aiuto ma non lo hanno ricevuto nel modo giusto. Questa mattina vi abbiamo parlato della storia di Lidia, uccisa a Pavia dal suo compagno e rimasta in casa morta per tre giorni. Adesso ci spostiamo in provincia di Vicenza, ma come detto in precedenza, dopo le conferme da parte delle forze dell’ordine, possiamo dire che si tratta di una storia diversa.

I corpi di due coniugi, lei uccisa e coperta con un lenzuolo, lui impiccato, sono stati trovati oggi all’interno di un’abitazione a Rosà, in provincia di Vicenza. A scoprire i cadaveri è stato un familiare, che aveva le chiavi della casa, e poi ha chiamato la polizia. La pista seguita dagli investigatori sarebbe quella dell’omicidio-suicidio.

Uccide sua moglie e poi si toglie la vita impiccandosi: le ultime notizie

Ancora pochissime le informazioni che arrivano dal comune di Rosà; la notizia della morte di questa donna per mano di suo marito ha sconvolto tutta la comunità. Non si conoscono al momento i motivi della tragedia, nè la modalità con le quali è stata uccisa la donna. Sul luogo subito anche il sindaco di Rosà, Paolo Bordignon, e la polizia locale.


“In questi momenti il primo pensiero va ai parenti che stanno vivendo questo dramma dai contorni al momento inspiegabili – ha dichiarato il sindaco di Rosà Paolo Bordignon – A loro va tutta la mia vicinanza e la nostra preghiera. Posso solo dire che erano due persone anziane normalissime che mai nel passato, ci risulta, abbiano dato segnali di disagio o difficoltà. Parlando con i famigliari mi hanno raccontato di come i coniugi erano per tutti un punto di riferimento, spesso di conforto, due persone unite da un grande amore sino a questo dramma. Un episodio che sin dai primi momenti sta scuotendo non solo chi li conosceva ma anche la nostra comunità”.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.