L’ex collega di Anna Corona falsifica la firma ma precisa: “Non sono sua complice”

Una esclusiva de La vita in diretta con un nuovo contributo video oggi 26 maggio 2021. Il programma condotto da Alberto Matano continua a seguire il caso Denise Pipitone e si torna a Mazara del Vallo, dove ci sono molte persone che potrebbero raccontare tanto. Ne è dimostrazione la testimonianza dell’ex collega di Anna Corona, Francesca, che 17 anni dopo conferma quanto a processo era emerso ma non era stato confermato. L’avvocato Frazzitta aveva pensato che Anna Corona avesse potuto cambiare l’orario di uscita nel giorno della scomparsa di Denise Pipitone. Parliamo dell’orario in cui avrebbe lasciato il lavoro. Oggi Francesca, 17 anni dopo, spiega che su quel foglio c’era qualcosa che non andava ma non era l’orario. Era la firma. A mettere la firma di Anna Corona al posto suo era stata proprio lei. Oggi non si ricorda molo di quel giorno, ricorda solo che falsificò la firma. E quando l’inviata de La vita in diretta, Lucilla Masucci, le chiede se lo avesse fatto anche in altre occasioni risponde: “No solo quella volta”.

Caso Denise Pipitone: parla l’ex collega di Anna Corona che avrebbe falsificato la firma

Sarebbe fondamentale capire quando Anna Corona ha chiesto alla sua ex collega di mettere una firma al suo posto. La signora, rispondendo alle domande della giornalista di Rai 1, spiega che non ricorda. Ma come fa notare anche la dottoressa Bruzzone, se la donna lo avesse chiesto la mattina, tutto cambierebbe, perchè ci sarebbe una possibile premeditazione dei fatti. L’ex collega di Anna Corona non lo ricorda, ricorda solo che passarono le figlie di Anna Corona e che poi la donna andò via ma non riesce a essere precisa con l’orario, non sa a che ora lasciò l’albergo.

Non sono la sua complice, sempre che Anna Corona sia implicata in questa storia” spiega l’ex collega della madre di Jessica Pulizzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.