Caso Denise Pipitone, Piera Maggio torna a parlare sui social e chiarisce la sua posizione

Sono stati certamente due mesi molto complicati per Piera Maggio, dalle nuove segnalazioni alla pista russa passando per le indagini che la procura di Marsala ha deciso di riaprire. Due mesi di alti e bassi ma con un solo scopo: ritrovare Denise. Perchè Piera, il suo avvocato e il padre di Denise Pipitone lo hanno detto sin dall’inizio: il loro scopo è quello di trovare Denise perchè sono certi che sta bene, che è da qualche parte nel mondo. Il resto del lavoro lo dovrà fare la procura, sarà loro compito stabilire, chi, come e quando ha portato via 17 anni fa una bambina di quattro anni dalla sua famiglia. Poche ore fa sui social, Piera Maggio ha voluto fare una precisazione, visto che ormai da settimane, si cercano piste, anche in ambito giornalistico, si torna indietro nel tempo, si cercano indizi forse sfuggiti. La mamma di Denise Pipitone decide di fare chiarezza e torna a parlare con un messaggio social.

Denise Pipitone ultime notizie, dai social parla Piera Maggio

Le parole di Piera Maggio:

Abbiamo sempre cercato la verità sul rapimento di Denise, anche adoperandoci per fare in modo che questa emergesse. Raccontare parzialmente fatti già verificati, facendo allusioni che non hanno portano a nulla, di certo servono solo a creare illazioni e diffamazione. Sappiate che durante il processo di primo grado, l’unica pista alternativa evidenziata dai legali dell’imputata è stata solo e soltanto la pista ROM, NON ALTRI. Questo per far comprendere a tutti, che nonostante alcuni dissidi, non esistevano i presupposti per accusare altri appartenenti alla cerchia ristretta dei familiari di Denise, poiché hanno collaborato, le loro posizioni furono vagliate, chiarite ed escluse dall’inchiesta

Del caso Denise Pipitone si tornerà a parlare anche su Rai 2. Il giornalista Milo Infante, che da mesi lavora al fianco della famiglia siciliana, proprio ieri ha annunciato che andranno in onda tre nuove puntate speciali di Ore 14 con tante notizie su questo caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.