Il dolce ricordo di mamma Piera per la sua Denise e poi l’appello: “Chi sa parli”

E’ un momento molto delicato per Piera Maggio, anche perchè questi sono gli ultimi giorni in cui potrà far sentire la sua voce dai programmi televisivi che hanno tenuto accesi i riflettori sul caso, forse a volte anche troppo. Gli ultimi mesi sono stati difficilissimi per la mamma di Denise Pipitone, una altalena di emozioni, tante segnalazioni ma nessuna pista concreta. E poi tante cose brutte dette anche sulla sua famiglia, discorsi vecchi e archiviati sono tornati a galla. Ferite del passato si sono riaperte ed è per questo che Piera è tornata in tv per riportare al centro la sua Denise, quella bambina che oggi a La vita in diretta ricorda con dolcissimi espedienti. “Lei era attentissima, ogni volta che io mi facevo anche un piccolo taglio arrivava con l’alcol e mi diceva che bisognava disinfettare come se fosse una crocerossina” racconta Piera Maggio con gli occhi lucidi. Ed è di Denise che si dovrebbe parlare. Dei 17 anni che le hanno tolto, perchè li ha passati lontano dalle persone che l’amavano, da sua madre, da suo fratello, dalla sua famiglia. Per questo Piera ritorna in tv per rimettere al centro la sua bambina e per ricordare che lei, come Piero Pulizzi, è una vittima in questa vicenda.

Piera ricorda che Denise era una bambina buffa e molto sveglia, che si faceva amare da tutti. E poi prova a spiegare quello che pensa oggi in merito al giorno della scomparsa di Denise Pipitone.

Piera Maggio cerca la verità per la sua Denise

La mamma di Denise Pipitone, nella puntata de La vita in diretta di oggi, 22 giugno 2021, ha spiegato ad Alberto Matano quello che è il suo pensiero in merito al maledetto giorno del rapimento della piccola. E spiega: Io un’idea. Chi ha rapito Denise è probabile che la conoscesse, sapeva del suo passato. La strada dove è stata rapita Denise non era una zona trafficata, chi veniva conosceva le famiglie che abitavano lì”.

Poi si è rivolta a chi sa e fino ad ora non ha detto: “Ci sono delle persone che sanno e che hanno sentito dire da seconde e terze persone. Non abbiamo alcun dubbio. Quelle stesse persone a distanza di anni ancora non hanno collaborato del tutto, parlate prima che sia troppo tardi”. 

Piera continua a chiedere verità e giustizia per la sua piccola Denise e spera che presto si possa sapere che cosa è successo e si possa mettere la parole fine a questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.