Due regioni ancora a rischio zona gialla: si cambia il 23 agosto?

Si pensava che la settimana successiva a Ferragosto avrebbe visto il cambio di colore di almeno una regione e invece tutta Italia è rimasta in zona bianca per un’altra settimana. Questo però non significa che i dati arrivati dalle ultime osservazioni lascino ben sperare anzi. Sono ancora due le regioni che potrebbero rischiare il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla dal 23 agosto 2021, due regioni alle quali, stando alle ultime notizie, potrebbe aggiungersene anche una terza. Le due regioni che quasi certamente, stando ai dati raccolti fino a questo momento, dovrebbero passare in zona gialla, sarebbero la Sardegna e la Sicilia. La comunicazione ufficiale in ogni caso, arriverà qualora ci fosse il cambio di colore, questo venerdì. A rischio, secondo quanto anticipano diverse testate nazionali, potrebbe esserci anche la Toscana.

Secondo i dati Agenas, forniti dal ministero della Salute e aggiornati alla serata del 16 agosto, la percentuale di posti letto occupati nelle terapie intensive è del 5% (+1%), mentre quella nei reparti ordinari è stabile al 6%. Analizzando i dati relativi al periodo 9-15 agosto, le due isole sono anche le Regioni con la più alta incidenza settimanale di nuovi casi ogni 100mila abitanti: 147,93 per la Sardegna e 140,16 per la Sicilia  . Per quanto riguarda le terapie intensive, i dati più alti – dopo Sardegna e Sicilia – sono quelli di Lazio (7%) e Toscana (6%).

La situazione in Sardegna: le ultime notizie

La Sardegna è la Regione con più posti letto occupati in terapia intensiva: sono l’11% del totale (+1%), oltre la percentuale per restare in zona bianca. Cresce di un punto anche il tasso di occupazione nei reparti ordinari, che arriva al 9%.

La situazione in Sicilia: le ultime notizie

In Sicilia le terapie intensive sono occupate al 9%, mentre cresce ancora dell’1% il tasso di ricoveri Covid nei reparti ordinari, che ora tocca il 16%: la soglia critica è stata superata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.